Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cronaca

Travolta in stazione, si indaga sulla dinamica

Si chiamava Monica Carosio e aveva solo 22 anni la ragazza che ieri, martedì 26 novembre, intorno alle tre meno un quarto del pomeriggio, si sarebbe suicidata buttandosi sotto il treno regionale 6110, che da Arquata Scrivia stava arrivando alla stazione di Novi Ligure. Ma al vaglio c'è anche l'ipotesi incidente.
NOVI LIGURE – Si chiamava Monica Carosio e aveva solo 22 anni la ragazza che ieri pomeriggio, martedì 26 novembre, intorno alle tre meno un quarto del pomeriggio, si sarebbe suicidata buttandosi sotto il treno regionale 6110, che da Arquata Scrivia stava arrivando alla stazione di Novi Ligure. Gli inquirenti però, al momento, non escludono nessuna ipotesi, nemmeno quella dell'incidente.

La giovane si trovava sul marciapiede di servizio che costeggia la linea in corrispondenza del sovrappasso ferroviario di via Verdi, una zona interdetta al pubblico. Monica si sarebbe gettata sulla massicciata mentre il locomotore del convoglio era in arrivo. Mancavano poche centinaia di metri alla stazione, il macchinista stava già rallentando la corsa del regionale: quando ha visto la ragazza, ha attivato i freni d’emergenza ma non ha potuto evitare l’impatto. Al magistrato che conduce l'inchiesta, il compito di capire se Monica abbia attraversato i binari con l'intento di togliersi la vita o se si sia trattato di una tragica fatalità, magari in un momento di distrazione.

L’intervento dell’ambulanza del 118 è stato vano: ai sanitari è stato solo il macabro compito di constatare il decesso della 22enne. La polizia ferroviaria ha bloccato subito la stazione. Per consentire all’autorità giudiziaria di effettuare i necessari rilievi, la circolazione ferroviaria è stata deviata su un unico binario, con gli inevitabili ritardi. I treni in direzione Torino hanno percorso un itinerario alternativo via Tortona, con allungamenti dei tempi di viaggio di circa un’ora. Più regolari i treni in direzione Genova. Oltre al treno investitore, il regionale 6110 (Arquata-Alessandria), sono subito rimasti coinvolti altri tre treni: uno è stato cancellato e sostituito con bus e due deviati via Tortona. I viaggiatori del regionale 6110 hanno proseguito il viaggio su autobus sostitutivi.

Monica Carosio abitava a Castellazzo Bormida e faceva la barista a Capriata. Dalle testimonianze delle persone che la conoscevano sarà forse possibile capire se la sua morte è stata conseguenza di un incidente o di un gesto volontario.
27/11/2013

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa