Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Droga, alimenti mal conservati, lavoratori in nero e petardi: raffica di denunce

Due ristoratori sono stati sanzionati dai carabinieri: uno aveva alimenti mal conservati, l'altro stava facendo lavorare del personale in nero. Altre due persone sono state sorprese a Novi Ligure con la droga in tasca. Deferito anche un tabaccaio che ha venduto petardi a un gruppo di ragazzini di Serravalle Scrivia
NOVI LIGURE – Due ristoratori del novese sono stati sanzionati dai carabinieri, che nel weekend hanno eseguito una serie di controlli in collaborazione con i militari del Nucleo Antisofisticazione e Sanità e del Nucleo Ispettorato del Lavoro.
Il primo ristoratore è stato sanzionato per inosservanza delle normative igienico-sanitarie, cattiva conservazione degli alimenti e per la presenza di qualche alimento scaduto: i Nas gli hanno comminato una sanzione di 6 mila euro. Il titolare del secondo locale invece dovrà pagare 5 mila euro per la presenza di un lavoratore “in nero” e dovrà regolarizzare l’assunzione. Inoltre verrà deferito per tentata frode in commercio, una violazione che viene commessa quando non si forniscono nel menù le informazioni corrette sugli alimenti, sullo stato di conservazione o sulle qualità specifiche.

I carabinieri hanno inoltre denunciato un cittadino italiano, di 42 anni, proveniente da Alessandria e già fermato in passato nel territorio novese, perché in possesso di alcune dosi di cocaina, eroina e hashish. L’uomo, che era già stato colpito da un divieto di ritorno, dovrà rispondere anche del reato previsto per la mancata osservanza dell’ordine del questore di non mettere piede nel territorio del Comune di Novi Ligure.
Denuncia anche per un marocchino di 28 anni, trovato in possesso di 25 grammi di hashish, suddivise già in dosi: dovrà rispondere di detenzione ai fini di spaccio.

I carabinieri di Serravalle Scrivia hanno invece fermato alcuni minorenni mentre facevano brillare dei petardi, in assenza di un adulto. I militari hanno ricostruito che i petardi, seppur di minima potenza, erano stati acquistati nel periodo di Halloween dagli stessi minorenni, presso una tabaccheria del novese. Ma la vendita di articoli pirotecnici ai minori è vietata e pertanto è scattata la denuncia a carico del titolare.

foto: cortesia Comando provinciale carabinieri.
14/11/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi