Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Alberto Marchelli: funerali privati, Messa a settembre

Nel frattempo è la sezione provinciale dell'Associazione per la Donazione degli Organi a ricorda la figura dello scout scomparso venerdì scorso. "Ricordiamolo con donazioni alle associazioni con le quali collaborava"
OVADA - “Alberto Marchelli aveva una grande carica umana, sapeva stringere legami forti e veri con i suoi compagni di scuola, con gli altri scout del Gruppo Ovada 1 e con chiunque venisse in contatto con lui. Alberto era l’unico figlio di Giancarlo e Maria Paola Giacchero, segretaria del Gruppo AIDO di Ovada.  Attraverso la mail di Alberto la Sezione Provinciale comunicava con il Gruppo di Ovada: come avviene spesso nelle nostre case, sono i più giovani quelli che conducono nella modernità delle comunicazioni le famiglie e Alberto mi dava un aiuto fondamentale. Anche così si fa volontariato”. A ricordare la figura dello scout scomparso venerdì scorso mentre stava percorrendo la route tra Assisi e Spello con la branca Rover e Scolte del Gruppo Scout 1 di Ovada è la presidente provinciale dell’associazione, Nadia Biancato. I funerali del ragazzo, 18 anni, saranno officiati nei prossimi giorni in forma privata. A settembre sarà celebrata una Messa aperta a tutti.

"In questo momento di tristezza profonda, tutta la famiglia Aidina è vicina ai genitori che da tanti anni sono impegnati nel sostegno dell’associazione,  quasi un’eredità ricevuta dal nonno di Alberto che fu tra i fondatori del Gruppo AIDO di Ovada. Il nostro dolore deve trasformarsi in opere che continuino a generare opportunità in quel mondo che Alberto viveva e frequentava, la scuola presso l’Istituto Santa Caterina Madri Pie, la Comunità dei Padri Scolopi, il Gruppo Scout Ovada 1, ambienti che sapranno valorizzare,  con i nostri aiuti,  le potenzialità di altri ragazzi come Alberto – prosegue Biancato - Maria Paola e Giancarlo hanno piacere che Alberto sia ricordato con donazioni anche di un solo euro perché ogni contributo darà grandi frutti in memoria del loro ragazzo. Non donazioni alle associazioni di cui loro sono sostenitori da sempre, come AIDO appunto, ma rivolte a quegli istituti che facevano parte della quotidianità di Alberto, all’interno dei quali il loro ragazzo è cresciuto diventando la bella persona che era”.

Per volontà della famiglia, tutti coloro che vorranno ricordare Alberto potranno farlo con donazioni a: CASA GENERALIZIA DELL’ISTITUTO MADRI PIE

IBAN: IT05Q0335901600100000114233 ( o con rimesse dirette all’Istituto Santa Caterina Madrie Pie in Ovada)

AGESCI GRUPPO OVADA 1 – IBAN IT02X0335901600100000141466

SETEM Provincia Ligure Padri Scolopi – IBAN IT 94B0200848423000040698460

descrizione: in ricordo di Alberto Marchelli

9/08/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 200: sul Monte Giarolo partendo dalla val Borbera
Sentiero 200: sul Monte Giarolo partendo dalla val Borbera
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione