Spigno Monferrato (Spign in piemontese) è un comune di 1.153 abitanti . Il territorio comunale confina con la Liguria ed è quello che si spinge più a sud di tutta la provincia di Alessandria. I primi documenti che attestano la nascita del comune risalgono al 1300 quando Alberto del Carretto con atto del 3 febbraio 1300 comprò dai Marchesi di Ponzone (Tommaso, Enrico e Manfredino) due terzi del mandamento di Spigno: cioè Merana, Serole, Rocchetta e Malvicino. Morto Alberto la vedova Tubirgia Fieschi, tutrice del figlio Francesco, nel 1314 vendette i territori acquistati dal marito a Giacomo del Carretto, figlio del primo marchese di Novello, Enrico. Questi completò il possesso del mandamento di Spigno acquistando nel 1332 l'altro terzo di territorio dai Marchesi di Ponzone (Raimondo, Oddino e Corradino). Manfredo, quinto figlio di Giacomo, consolidò il possesso di Spigno, lasciando suo figlio Francesco come capostipite dei signori di Spigno, Merana, Malvicino e parte del castello di Dego ma sempre sotto il dominio della Repubblica di Genova dalla quale i Signori di Spigno continuarono a prendere l'investitura sino al 1419, anno in cui i Genovesi cedettero al Marchese Giovanni Giacomo del Monferrato, appena succeduto al padre Teodoro II, tutti i diritti sulle terre al di qua dei Giovi col patto che non potesse trovarvi asilo nessun bandito genovese. I Signori di Spigno divennero così Vassalli dei Marchesi del Monferrato, ma il Sacro Romano Imperatore Sigismondo di Lussemburgo continuò a considerasi Signore di tutte quelle terre e, poiché Giangiacomo Marchese di Monferrato aveva partecipato alla Lega ghibellina antiviscontea di Venezia e Firenze del 1426, Sigismondo nominò suo vicario imperiale il Duca di Milano ed obbligò anche i Signori di Spigno a prendere da questi l'investitura. Nel 1467 Amedeo Duca di Savoia prese al Marchese di Monferrato le terre di Spigno e Cremolino, che restituì per interposizione di Galeazzo Maria Sforza Duca di Milano. Nel 1469 Guglielmo VIII Marchese di Monferrato concesse all'Abbazia di San Quintino di Spigno il privilegio di immunità per gli uomini dei suoi feudi (Piana, Cagna, Giusvalla e Lodisio). Morto senza prole il Marchese Tommaso del Carretto, la signoria di Spigno venne devoluta a Luigi Asinari figlio di Marco e di Caterina sorella di Tommaso con due investiture successive date da Filippo II Re di Spagna e Duca di Milano. A Luigi successe il figlio Marco Antonio, che ne prese l'investitura dalla Camera Ducale di Milano nel 1612 ed un'altra nel 1615 da Filippo III Re di Spagna che eresse il Feudo di Spigno in Marchesato. Federico, successore di Marco Antonio, fu uomo inquieto che avendo passato la gioventù nel servizio militare voleva trattare alla militare anche i suoi sudditi e vicini, e le sue imprese attirarono i Savoia che ne distrussero il Castello. Federico ne progettò la ricostruzione nel 1669 ed impose per questo delle contribuzioni ai suoi sudditi che vi si opposero. Compì vessazioni e violenze. Per i suoi eccessi il Marchese fu proscritto e privato dei feudi i quali rimasero alla Camera ducale di Milano che, dopo la morte di Federico, ne investì il figlio adottivo Lelio Invrea, nobile genovese. Nel 1687 Lelio Invrea Asinario del Carretto, erede senza prole, concesse il Marchesato al fratello Ippolito riservandosene il frutto a vita. Carlo VI d'Asburgo, Sacro Romano Imperatore, richiamò al Fisco Imperiale il Marchesato di Spigno che nel 1724 vendette al Re Vittorio Amedeo II per la somma di 350 000 fiorini. Dal 1789 al 1814 Spigno, come tutto il Piemonte, restò sotto l'amministrazione francese. Ancora oggi vi sono importanti testimonianze architettoniche dell'epoca medievale, come il castello e il ponte di San Rocco, ponte duecentesco a schiena d'asino che collegava l'abbazia alla Via Aemilia è interamente in pietra arenaria, sormontato al colmo da due cappelline utilizzate per la riscossione dei pedaggi. Il patrono è Sant'Ambrogio che si festeggia il 7 dicembre.




Le Notizie
Cronaca 16/02/2017

Muore schiacciato da un albero che stava tagliando

E' stato travolto e schiacciato da un albero che stava tagliando, in un terreno di sua proprietà. La vittima è un uomo di 33 anni di Spigno Monferrato
Cultura e Spettacolo 23/09/2016

Per il quarto mese di appuntamento, Identità e Territorio propone 13 eventi

Dal 23 al 25 settembre eventi che spaziano, come di consueto, tra arte, cinema, fotografia, musica, enogastronomia e sport a Acqui Terme, Castellazzo Bormida, Spigno Monferrato, Castelletto D'Erro, ...
Cronaca 1/02/2016

La nuova terra dei fuochi? Ce l'abbiamo sotto i piedi

Abbiamo poco da invidiare alla "terra dei fuochi" campana. Anche in provincia di Alessandria ci sono decine di siti inquinati, di discariche abusive, di campi in cui sono stati sotterrati, senza controllo bidoni contenenti sostanze nocive per l'uomo e per l'ambiente
Scuola 25/01/2014

Contributi regionali per mantenere le scuole nei comuni montani

Dagli assessorati all'Istruzione e alla Montagna 400 mila euro dei quali 19 mila per le pluriclassi di Rocchetta Ligure, Garbagna, Voltaggio, Carrosio, Bosio, Spigno Monferrato, Montechiaro d'Acqui, Melazzo e Cartosio