Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Mornese

Tasse, per gli inglesi sono una cosa seria: arrestato imprenditore di Mornese

Ha evaso 46 milioni di sterline (circa 52 milioni di euro) e gli inglesi gliela hanno giurata: un imprenditore italiano di 57 anni, originario di Mornese, è stato condannato a 14 anni di carcere dalle autorità del Regno Unito. Di lui si erano perse le tracce ma i carabinieri l'hanno scovato e arrestato
MORNESE – Ha evaso 46 milioni di sterline (circa 52 milioni di euro) e gli inglesi gliela hanno giurata: un imprenditore italiano di 57 anni, originario di Mornese, è stato condannato a 14 anni di carcere dalle autorità d’Oltremanica. Ora è stato rintracciato e arrestato dai carabinieri in esecuzione di un mandato di cattura europeo. L’uomo è stato condannato per reati di evasione fiscale e distrazione di fondi emessi dal 2008 al 2013 in Gran Bretagna.

L’imprenditore nel gennaio del 2013 era entrato nel mirino dell’Hmrc, il dipartimento del Regno Unito responsabile per la riscossione delle imposte, che aveva iniziato un’indagine per il sospetto di evasione fiscale e distrazione di fondi nei confronti di una società da lui gestita e avente sede a Londra.

Dalla ricostruzione dei fatti è emerso che la società dell’italiano aveva concluso l’acquisto di vino da un’impresa vinicola piemontese, oggi inattiva: per ciascuna consegna inviata al Regno Unito, la società fornitrice generava al momento della partenza dei beni una sorta di bolla di accompagnamento. Tuttavia molte consegne era state effettuate utilizzando sempre la stessa bolla, così sfuggendo al fisco: il vino veniva quindi immesso sul mercato inglese e acquistato dai clienti in contanti, senza il pagamento delle imposte e senza Iva.

Le indagini hanno visto il coinvolgimento in Italia anche dell’Agenzia delle Dogane, perché le nostre forze di polizia avevano individuato un commercio fraudolento di vini, con un’indagine che aveva portato all’arresto di 13 persone per associazione per delinquere.

È dall’aprile del 2013 che l’Hmrc e l’Agenzia delle Dogane hanno condotto, in cooperazione, un’operazione per rintracciare e arrestare l’imprenditore di cui si erano perse le tracce: l’uomo aveva residenza in Romania e risultava tra i maggiori ricercati in Gran Bretagna, finché qualche giorno fa i carabinieri di Mornese, dopo appostamenti e ricerche, hanno localizzato il 57enne.
18/10/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi