Sei in: AlessandriaNews / Breaking News / Noi sappiamo da che parte stare - 7/10/2013
Migranti

Noi sappiamo da che parte stare

La recentissima tragedia al largo delle coste di Lampedusa è solo l’ultima di una serie di disgrazie legate ai flussi migratori provenienti dal Nord Africa. Alessandria dice “no” ai respingimenti e “no” a leggi disumane: non sono queste le soluzioni. Alla Ristorazione Sociale, una serata per riflettere e condividere qualche emozione
Versione stampabile Stampa  |   Invia articolo a un amico Invia   |   Scrivi alla redazione Scrivi

MIGRANTI - Anche Alessandria vuole raccogliersi intorno al dolore per la tragedia di Lampedusa. Un momento e un gesto simbolico (300 candele accese questa sera, 7 ottobre, alla Ristorazione Sociale) per riflettere, insieme, su disgrazie che non dovrebbero mai avvenire.

Tutto si fonda sulla convinzione profonda che non sia con respingimenti o con leggi più severe che si possa porre fine a queste tragedie, ma solo attraverso una sincera e aperta comprensione dei motivi che inducono famiglie intere a rischiare la vita in viaggi pericolosissimi. Conoscere le condizioni sociali, economiche e politiche di quei Paesi, progettare azioni per stimolare il rispetto dei diritti umani e aiutare lo sviluppo di economie nazionali, sono alla base di ogni strategia tesa a contenere morti e sofferenze. 

Purtroppo, nelle classifiche sulla cooperazione internazionale e sull’impegno alla lotta alla povertà nel mondo il nostro Paese non brilla certo per generosità o innovazione.

In questo quadro, la Provincia di Alessandria ha un ulteriore record negativo: a fine 2011 assiste inerme alla fine dell’esperienza dell’Istituto per la Cooperazione allo Sviluppo, consorzio pubblico che aveva creato al suo interno competenze e capacità nella progettazione e nella gestione di importanti progetti di cooperazione internazionale, conquistando finanziamenti bancari ed europei. Gli operatori dell’ICS (progettisti e mediatotori cultirali) vengono quindi dispersi per la provincia e le competenze assorbite da questa o da quella partecipata (liquidate a loro volta o sostanzialmente impotenti per mancanza di risorse). Ora una rete di associazioni e altri soggetti privati (al cui centro opera l’Associazione ICS Onlus) tiene vivo il lumicino in attesa e nella speranza che il pubblico possa tornare ad occuparsene.

Anche in sostegno delle molte realtà vive e sensibili, AlessandriaNews, senza indugio alcuno, ha aderito all’iniziativa di cui proponiamo, integralmente, il testo dell’accorato appello:

Meglio accendere una candela che maledire l'oscurità. Così recita un proverbio cinese e di candele, questa sera, lunedì 7 ottobre, alla Ristorazione Sociale, ne verranno accese ben trecento in memoria di tutte le vittime dei “viaggi della speranza”. Ogni giorno centinaia di migranti si imbarcano dalle coste africane per raggiungere il nostro Paese inseguendo il sogno di una vita migliore lontana dalle guerre e dalle privazioni. Ma i sogni, ostacolati da mille imprevisti - sempre possibili in situazioni di viaggio così precarie - e da leggi disumane, troppo spesso si trasformano in incubi. La tragedia di Lampedusa è solo l’ultimo episodio di una serie drammatica che ha fatto urlare al Papa “Vergogna, vergogna, vergogna” solo qualche giorno fa. Invitiamo tutti i cittadini di buona volontà a partecipare, ciascuno portando con sé un racconto, una poesia o un pensiero da condividere con gli altri. Per dire con forza, tutti assieme: “Noi sappiamo da che parte stare”.
Promosso da:

Ristorazione Sociale in collaborazione con Cooperativa Coompany& e Comunità San Benedetto al Porto
Hanno aderito:

I.C.S. Onlus, Libera, Associazione Liberarti, Pagina Sociale di Alessandria, Laboratorio dell’Orchestra Multietnica Furaste’, Associazione “L’ulivo e il libro”, Associazione “Verso il Kurdistan”, Associazione Giovani Musulmani di Alessandria, Associazione Tessere le Identità, Associazione Cambalache, Cooperativa Liberazione, Associazione Medea, Lab121, Progetto Associa, ISRAL, La Ballata dei Lenna, AlessandriaNews.it, Associazione You Aid
Dove: Ristorazione Sociale, viale Milite Ignoto 1, Alessandria
Quando: Lunedì 7 Ottobre ore 21.00
7/10/2013


 
blog comments powered by Disqus

Facebook

Emergenza casa: impossibile fare di più?

Alessandria | Siamo stati in via Brodolini dove il Movimento per la Casa ha aiutato 12 famiglie a occupare altrettanti appartamenti del Demanio Militare vuoti ormai da 15 anni: la situazione è l’ennesimo fallimento della politica e rischia di innescare tensioni con chi attende un’assegnazione regolare. Possibile che non si riesca a fare meglio di così?

“La spese per calamità siano escluse dal patto di stabilità”

Provincia | Dai Comuni un fronte unito per chiedere al Governo di togliere dal patto di stabilità le spese sostenute per le calamità naturali. Rossa: “Ho fatto la richiesta a Renzi durante il direttivo nazionale del Pd”. Il problema potrebbe essere la copertura finanziaria. In Provincia i valore danni dell'alluvione di lunedì scorso ammonta circa a 50 milioni

Cittadella: in attesa del nuovo bando, apre le porte all'Europa

Alessandria | Atteso per fine anno un nuovo bando di gara ad opera dell'Agenzia del Demanio. Rita Rossa incontrerà giovedì a Torino il nuovo direttore nazionale. Intanto si è conclusa la visita in Cittadella della commissione di Europa Nostra e della Banca Europea degli Investimenti: si attende un "report" di valutazione e consulenza

Rimane incastrato mentre lavora: liberato dai pompieri

Alessandria | Un operaio è rimasto incastrato con la mano fra la consolle di comando della piattaforma su cui stava lavorando e una canalina per il passaggio dei cavi sul ponte dell'autostrada a Cabanette. Accertamenti in corso da parte dello Spresal

Acqua non potabile, emergenza infinita

Novi Ligure | A più di una settimana di distanza dall’evento alluvionale del 13 ottobre scorso, è ancora emergenza idrica in molti paesi della zona. Gavi detiene un primato negativo, quello del maggior numero di persone sfollate, 22 in tutto il paese

Multimedia

  • Via Brodolini: occupate le case del Demanio Militare

    Via Brodolini: occupate le case del Demanio Militare

  • Rimane incastrato mentre lavora: liberato dai pompieri

    Rimane incastrato mentre lavora: liberato dai pompieri

  • Jobs Act, la posizione di Uil

    Jobs Act, la posizione di Uil

  • La sagra del Giusto

    La sagra del Giusto

  • Qua la zampa, cerchi un amico?

    Qua la zampa, cerchi un amico?

  • Vigili del Fuoco e Carabinieri al lavoro h24

    Vigili del Fuoco e Carabinieri al lavoro h24

  • Cassano, tante famiglie hanno bisogno di aiuto

    Cassano, tante famiglie hanno bisogno di aiuto

  • Gavi, istantanee da un incubo

    Gavi, istantanee da un incubo

  • E a dare una mano arriva anche l'esercito

    E a dare una mano arriva anche l'esercito

  • Oltre a fango e acqua, anche gli alberi fan danno

    Oltre a fango e acqua, anche gli alberi fan danno

Seguici su...
Facebook Twitter Flickr YouTube