Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Malore dopo la partita, se ne è andato “Gege” Masini

Eugenio Masini è morto dopo aver assistito alla gara di Coppa Italia tra Juventus e Atalanta. Grande tifoso della "vecchia signora", era anche arbitro nazionale di badminton nonché dirigente del Boccardo Novi. Faceva parte di molte organizzazioni di volontariato del novese
TORINO – Se n’è andato con la felicità nel cuore, dopo aver visto la “vecchia signora” vincere ancora una volta. Eugenio Masini, per tutti i novesi semplicemente “Gege”, è morto nella serata di ieri, mercoledì 11 gennaio, dopo aver assistito alla partita Juventus-Atalanta allo Stadium di Torino. Lui, fedelissimo tifoso bianconero, non poteva mancare alla gara di Coppa Italia che ha visto la squadra di Allegri imporsi per 3 a 2 contro i bergamaschi. Alla fine della partita, mentre si dirigeva al pullman per il rientro a Novi Ligure, Masini ha accusato un malore ed è morto poco dopo, probabilmente stroncato da un infarto.

Gege Masini – 45 anni – era conosciutissimo a Novi, e non tanto per la sua passione per il calcio e la Juventus in particolare. Era anche segretario e dirigente dell’associazione sportiva Boccardo Badminton Novi e arbitro nazionale della Fiba, la Federazione italiana del badminton. «Siamo scioccati da questa notizia – dice Roberto Scarabello – Era con noi da parecchi anni e il suo impegno era veramente ammirevole».

Masini faceva parte di molte organizzazioni di volontariato del novese. «Ci teneva a dare il suo contributo in ogni occasione – lo ricorda l’assessore al Volontariato Stefano Gabriele – Dovunque ci fosse da dare una mano, lui c’era. Si metteva a disposizione con grande umiltà e spirito di sacrificio».

«Era stato per molti anni un nostro volontario», ricorda la presidente del comitato locale della Croce Rossa Sandra Mantero. «Lo ricordiamo con grande affetto, è una perdita enorme per tutti noi». Di Gege si può quasi dire che fosse “nato” alla Casa del Giovane, l’oratorio della parrocchia di San Pietro. E sotto quel tetto aveva sempre trovato amici e impegni in cui attivarsi: collaborava anche con l’associazione Ascolta l’Africa ed era fra i componenti dell’Agesci, l’associazione degli scout cattolici.

Masini aveva studiato all’istituto Boccardo e lavorava come dipendente dell’Asl negli uffici amministrativi dell’ospedale San Giacomo, a Novi. Dopo la morte dei genitori era rimasto solo con il fratello, che ha appreso della morte di Eugenio mentre si trovava all’estero. Ancora da fissare la data dei funerali.

[Foto: Federazione italiana Badminton e Facebook]
12/01/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook

Lo scherzo dei comitati che difendono l'acqua
Lo scherzo dei comitati che difendono l'acqua
Festa degli alberi per dare il benvenuto alla primavera rispettando il paesaggio
Festa degli alberi per dare il benvenuto alla primavera rispettando il paesaggio
Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie
Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie
Robur Siena-Alessandria 2-0. Il commento di Braglia
Robur Siena-Alessandria 2-0. Il commento di Braglia
Question time n? 2, a Renzo Penna, SEL-SI
Question time n? 2, a Renzo Penna, SEL-SI
Alessandria-Olbia 2-1. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Olbia 2-1. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Obia 2-1. Il post partita
Alessandria-Obia 2-1. Il post partita
Alessandria-Obia 2-1. Il post partita
Alessandria-Obia 2-1. Il post partita
Non una di meno, sfilata per Lotto Marzo
Non una di meno, sfilata per Lotto Marzo
Pistoiese-Alessandria 0-0, il post partita
Pistoiese-Alessandria 0-0, il post partita