Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Malore dopo la partita, se ne è andato “Gege” Masini

Eugenio Masini è morto dopo aver assistito alla gara di Coppa Italia tra Juventus e Atalanta. Grande tifoso della "vecchia signora", era anche arbitro nazionale di badminton nonché dirigente del Boccardo Novi. Faceva parte di molte organizzazioni di volontariato del novese
TORINO – Se n’è andato con la felicità nel cuore, dopo aver visto la “vecchia signora” vincere ancora una volta. Eugenio Masini, per tutti i novesi semplicemente “Gege”, è morto nella serata di ieri, mercoledì 11 gennaio, dopo aver assistito alla partita Juventus-Atalanta allo Stadium di Torino. Lui, fedelissimo tifoso bianconero, non poteva mancare alla gara di Coppa Italia che ha visto la squadra di Allegri imporsi per 3 a 2 contro i bergamaschi. Alla fine della partita, mentre si dirigeva al pullman per il rientro a Novi Ligure, Masini ha accusato un malore ed è morto poco dopo, probabilmente stroncato da un infarto.

Gege Masini – 45 anni – era conosciutissimo a Novi, e non tanto per la sua passione per il calcio e la Juventus in particolare. Era anche segretario e dirigente dell’associazione sportiva Boccardo Badminton Novi e arbitro nazionale della Fiba, la Federazione italiana del badminton. «Siamo scioccati da questa notizia – dice Roberto Scarabello – Era con noi da parecchi anni e il suo impegno era veramente ammirevole».

Masini faceva parte di molte organizzazioni di volontariato del novese. «Ci teneva a dare il suo contributo in ogni occasione – lo ricorda l’assessore al Volontariato Stefano Gabriele – Dovunque ci fosse da dare una mano, lui c’era. Si metteva a disposizione con grande umiltà e spirito di sacrificio».

«Era stato per molti anni un nostro volontario», ricorda la presidente del comitato locale della Croce Rossa Sandra Mantero. «Lo ricordiamo con grande affetto, è una perdita enorme per tutti noi». Di Gege si può quasi dire che fosse “nato” alla Casa del Giovane, l’oratorio della parrocchia di San Pietro. E sotto quel tetto aveva sempre trovato amici e impegni in cui attivarsi: collaborava anche con l’associazione Ascolta l’Africa ed era fra i componenti dell’Agesci, l’associazione degli scout cattolici.

Masini aveva studiato all’istituto Boccardo e lavorava come dipendente dell’Asl negli uffici amministrativi dell’ospedale San Giacomo, a Novi. Dopo la morte dei genitori era rimasto solo con il fratello, che ha appreso della morte di Eugenio mentre si trovava all’estero. Ancora da fissare la data dei funerali.

[Foto: Federazione italiana Badminton e Facebook]
12/01/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook

Cremonese-Alessandria 1-0. Il post partita
Cremonese-Alessandria 1-0. Il post partita
Cremonese-Alessandria 1-0. Il post partita
Cremonese-Alessandria 1-0. Il post partita
Gavi, trovato morto nel furgone
Gavi, trovato morto nel furgone
A Barcellona la manifestazione pro migranti
A Barcellona la manifestazione pro migranti
Il fantastico mondo delle drag queen
Il fantastico mondo delle drag queen
Scuola e Mobilità, il punto con Uil Informa
Scuola e Mobilità, il punto con Uil Informa
Como-Alessandria 2-1. Il post partita
Como-Alessandria 2-1. Il post partita
'You will not be a slave for ever'
'You will not be a slave for ever'
Uil presenta il corso sull'obesità infantile
Uil presenta il corso sull'obesità infantile
Alessandria-Piacenza 1-0. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Piacenza 1-0. Le foto di Gianluca Ivaldi