Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Politica

La grammatica dell'indignazione con Revelli e Pepino

Giovedì 16 gennaio a Cultura e Sviluppo gli autori discuteranno dei temi trattati nel loro saggio
ALESSANDRIA – Si parlerà di politica, e in particolare della situazione di criticità che attraversa il nostro Paese, giovedì 16 gennaio all'associazione Cultura e Sviluppo. Nell'appuntamento dei Giovedì Culturali sarà presentato Grammatica dell’indignazione (Edizioni Gruppo Abele), il libro curato da Marco Revelli e Livio Pepino e comprendente numerosi saggi dedicati ad approfondimenti monografici su diversi temi. Pepino, già magistrato e presidente di Magistratura democratica e attualmente direttore della rivista Questione giustizia e Revelli, professore ordinario di Scienza della Politica presso l’Università del Piemonte Orientale, saggista, storico e sociologo del lavoro, autore di numerosi volumi, saranno ospiti dell'associazione alle 19 (con pausa buffet alle 20,30 e successivo dibattito con termine alle 22,30).
Dalla quarta di copertina del volume:
C’è, nel Paese, un’anomalia da interpretare e sciogliere. L’indignazione è maggioranza, schiacciante maggioranza. Basta vedere l’andamento del voto nelle ultime tornate elettorali o sfogliare i sondaggi di tutti gli istituti di ricerca. Ancor più, è sufficiente passeggiare in un mercato e viaggiare su tram o treni (quelli dei pendolari: frequentati dal 90 per cento degli italiani e ignorati da chi governa promettendo devastanti e improbabili linee ad alta velocità...). Eppure quell’indignazione, almeno ad oggi, non conta nulla a livello istituzionale. Oppure veicola movimenti populisti e pieni di contraddizioni: di contenuti soprattutto, ché le incongruenze tattiche sono, a ben guardare, poca cosa. Così cresce il rischio che l’indignazione si chiuda in se stessa e produca sfiducia e rassegnazione anziché resistenza e progettualità. Sciogliere l’anomalia, superarla, è la sfida (ineludibile) dei prossimi mesi: mesi, non anni, ché la misura è colma. Per farlo serve mettere ordine nelle ragioni dell’indignazione e predisporre, settore per settore, una cassetta degli attrezzi utile a guidare il cambiamento (o il rilancio di ciò che va mantenuto e che molti vorrebbero cancellare, dalla Costituzione al welfare). Serve una grammatica, sospesa tra analisi e proposta.
15/01/2014

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano