Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Piemonte

Il 2015 è stato il più caldo degli ultimi sessant’anni in Piemonte

I cambiamenti climatici al centro delle politiche ambientali regionali. La relazione sullo stato dell'ambiente in Piemonte 2016 è stata presentata a Torino dall’assessore regionale all’Ambiente Valmaggia e dal direttore generale dell’Arpa Robotto
PIEMONTE - Conoscenza dei temi e delle criticità, programmazione delle azioni da intraprendere e coordinamento nel contrasto ai cambiamenti climatici: sono i tre pilastri della politica ambientale del Piemonte, illustrati dall’assessore regionale all’Ambiente, Alberto Valmaggia, nel corso della presentazione a Palazzo Lascaris della Relazione sullo stato dell’ambiente, l’appuntamento annuale per fare il punto sui dati e sulle attività di Regione e Arpa Piemonte.

“La conoscenza dei temi ambientali – ha detto l’assessore – deve procedere di pari passo con una corretta informazione, che dia indicazioni certe senza creare allarmismi”. Da questa consapevolezza, scaturiscono le azioni politiche, come i Piani regionali su rifiuti, amianto e sul paesaggio e le buone pratiche seguite dai cittadini.

“Nell’ambito più specifico e maggiormente sentito della qualità dell’aria – ha aggiunto Valmaggia - la recente sottoscrizione del protocollo Under 2 Mou per la riduzione delle emissioni in atmosfera, l’adozione del protocollo regionale antismog, diventato operativo nell’aprile 2016, con la pubblicazione del primo report giornaliero sullo stato dell’aria in Piemonte, e il Piano regionale sulla qualità dell’aria vanno tutti in un’unica direzione: promuovere delle strategie chiare e condivise affinché tutti possano fornire il proprio contributo a vantaggio dell’ambiente in cui viviamo”.

Il portale sullo stato dell’ambiente in Piemonte, dove sono consultabili i dati che Arpa quotidianamente raccoglie sul territorio ed analizza nei suoi laboratori, quest’anno vede accanto alle tre grandi tematiche aria, acqua e territorio anche il clima. Il tema del cambiamento climatico è diventato di grande importanza negli ultimi anni a causa della sempre più frequente ricorrenza di fenomeni come siccità, ondate di calore, alluvioni, inverni con scarsità di neve e temperature elevate, marcata variabilità e aumento della frequenza dei fenomeni “fuori stagione”. Tutti eventi che hanno determinato significativi effetti sia sul territorio e sull’ambiente, influenzando interi settori dell’economia regionale, sia sulla percezione collettiva del clima e del cambiamento climatico, che assume sempre di più un ruolo di nuovo elemento di pressione ambientale, economica e sociale.

“Il 2015 è stato il più caldo degli ultimi sessant’anni in Piemonte - ha sottolineato il direttore generale di Arpa Piemonte, Angelo Robotto - Il caldo estivo con temperature ben al di sopra della media, e la scarsità di precipitazioni registrata negli ultimi mesi del 2015 hanno aumentato i valori di inquinanti come Ozono e PM10 rispetto agli anni precedenti. È doveroso evidenziare però, che i trend dei valori per questi e altri inquinanti, quale ad esempio il biossido di azoto, sono in diminuzione, anche se non ancora sufficienti a rispettare i valori limite indicati dalla normativa europea vigente”.

L’anno scorso ha visto il verificarsi di eventi la cui frequenza è destinata ad aumentare con il cambiamento climatico: l’alternanza di periodi di siccità anche prolungati, che nell’estate del 2015 e nell’autunno-inverno 2015/2016 ha visto una progressiva riduzione dei deflussi dei corsi d’acqua, eventi pluviometrici eccezionali per intensità, con piogge cumulate totali fino a 250 mm in pochi giorni che hanno provocato effetti al suolo significativi, con danni anche ad abitazioni e tratti stradali.

Ma le grandi sfide a livello globale sono la mitigazione e la resilienza agli effetti del cambiamento climatico, per i quali la Regione Piemonte ha messo a punto una strategia che dispiegherà i suoi effetti a medio-lungo termine.

3/07/2016

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa