Cronaca

Disse di essere incinta e chiese soldi, condannata per tentata truffa

Una donna di 43 anni stata condannata ad un anno e sei mesi, con la condizionale, per tentata truffa e tentata estorsione. Aveva chiesto denaro all'uomo con il quale aveva avuto una relazione dicendo di essere incinta.
CRONACA – Era incinta e voleva abortire. Per questo motivo aveva chiesto la somma di 15 mila euro all'uomo con il quale aveva avuto una relazione, un sessantenne novarese. Il bambino, però, non c'era e l'uomo la denunciò.
Si è concluso ieri con una condanna ad 1 anno e 6 mesi, con la condizionale e la non menzione, il processo a carico di Elisa Valoy. La querela risale al 2011.
Secondo l'accusa la donna tentò di estorcere una somma in denaro dal compagno dell'epoca, facendogli credere di essere incinta, circostanza poi smentita. Fatto sta che la donna, sempre secondo l'accusa, per ottenere il denaro avesse preso alcuni documenti e le chiavi dell'appartamento dell'uomo. Al momento dello scambio di denaro, si presentarono però anche le forze dell'ordine. Era stata accusata di tentata truffa e tentata estorsione. Il pubblico ministero aveva chiesto una condanna più pesante. Il giudice ha stabilito invece una condanna di un anno e sei mesi. L'avvocato di difesa, Daniela Sogliani, ha intenzione, una volta lette le motivazioni, di fare ricorso in appello.
5/12/2018
Redazione - redazione@alessandrianews.it