Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Bersani ad Alessandria presenta Mdp: "No partitino ma movimento inclusivo"

Nella sala conferenze dell'associazione Cultura e Sviluppo, l'ex segretario del Pd e il senatore Federico Fornaro hanno presentato 'Articolo 1 - Movimento Democratico e Progressista'. "Abbiamo cercato il dialogo, dai renziani arroganza ed aggressività" ha dichiarato Bersani. Alleanza con Pisapia? "Tante esperienze differenti da accogliere, ci confronteremo anche con lui"
ALESSANDRIA - Quasi 400 persone hanno affollato la sede dell'associazione Cultura e Sviluppo per la tappa alessandrina del neonato gruppo parlamentare 'Articolo 1 – Movimento Democratico e Progressista', presentato nella serata di venerdì 17 dal senatore Federico Fornaro e dall'ex segretario del Partito Democratico Pierluigi Bersani. Tanta curiosità per questa nuova realtà politica che, come precisa lo stesso Bersani, “vuole essere espressione di un incontro tra culture sociali differenti, per ridare al popolo la rappresentanza che merita”.

Nato da meno di un mese (alla Camera si è ufficialmente costituito il 28 febbraio), Mdp è il risultato dclla scissione interna al Pd tra la cosiddetta 'minoranza dem' e la maggioranza renziana. “E' stata una scelta sofferta e dolorosa – spiega Bersani – Abbiamo provato fino all'ultimo ad aprire un dialogo che ponesse le condizioni per un serio esame critico di questi ultimi tre anni. Ci hanno sempre risposto con arroganza e toni respingenti”. Pur con un certo travaglio, una separazione che, per certi versi, può definirsi consensuale. L'impressione, infatti, è sempre stata quella di un 'matrimonio' da troppo tempo consumato da continui litigi causati da profonde ed incolmabili incomprensioni. “Il bambino, però, deve essere ancora battezzato” ha ammesso l'ex segretario del Partito Democratico rispolverando un po' della sua proverbiale ironia. Restano da valutare, infatti, “le forme organizzative. Per adesso abbiamo più pane che denti, perciò dobbiamo iniziare a costruire la dentiera”.

Il senatore Fornaro, che ha aperto l'incontro annunciando l'adesione del consigliere regionale Walter Ottria ad Mdp, parla di “scissione in atto già da tempo. Un pezzo di sinistra non si riconosceva più in questo Partito Democratico”. “Un movimento inclusivo e non un partito”, come sottolinea lo stesso Fornaro, che vuole provare a ripartire dalle fondamenta della nostra Costituzione, “ovvero dalla centralità del tema del lavoro”. “I padri costituenti avevano capito che il lavoro rappresenta la carne e il sangue della democrazia. Il lavoro – continua Bersani – dà alle persone dignità e libertà, è la piccola quota di trasformazione del mondo a cui ogni persona ha diritto”.

Una politica “a servizio del popolo, non al suo comando”, che inizi a dare risposte concrete partendo da problemi concreti. “La politica non è solo comunicazione, - dichiara Bersani - non è story-telling, Il governo Renzi ha iniziato a perdere credibilità quando ha cominciato a sbandierare ottimismo per far credere che tutto andasse bene e che i problemi erano stati risolti”.

Un gruppo di fuorisciti dal Pd che, però, è maggioranza di governo e che appoggerà Gentiloni fino al termine del mandato. “Far cessare la legislatura in anticipo causerebbe ripercussioni molto pericolose", sostiene l'ex segretario. Quale legge elettorale nel 2018? “Un Mattarellum modificato. Siamo pronti a sostenere un meccanismo proporzionale, via i capilista bloccati. L'elemento basico della govenabilità sta nel rapporto tra governanti e governati. L'elettore deve scegliere il suo rappresentante in Parlamento”. Fino alle prossime elezioni, quindi, i parlamentari di Mdp resteranno forza critica nella maggioranza, “proponendo qualche buona soluzione”. 

Non sono mancate le critiche all'attuale Presidente del Consiglio in merito all''affaire' Minzolini. Per il senatore Fornaro si è trattato di “un atto vergognoso, in questo caso è la casta che salva se stessa. Naturalmente ho votato per la decadenza”; gli fa eco Pierluigi Bersani: “Gentiloni dovrebbe dire la sua. Queste sono situazioni che toccano seriamente il tema delle istituzioni e che creano forti disagi nell'opinione pubblica. Mdp chiederà al Governo di mettere in atto elementi di rigore e civiltà”. 

Mercoledì 22 la presentazione del simbolo, intanto, Bersani apre ad ogni possibile alleanza con nuovi interlocutori, in particolare al movimento fondato da Giuliano Pisapia: “non ci concepiamo come un partitino, la fase costituente rimarrà aperta per diversi mesi. Ci sono tante esperienze differenti da accogliere, dai movimenti all'associazionismo, che possono riguardare anche il mondo cattolico. Con Pisapia ragioneremo su questi temi”.
18/03/2017
Alessandro Francini - redazione@alessandrianews.it

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Arzachena-Alessandria 0-0. Il dopo partita
Arzachena-Alessandria 0-0. Il dopo partita
Arti tra le mani
Arti tra le mani
Alessandria-Prato, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Prato, le foto di Gianluca Ivaldi
Con il Festival Adelio Ferrero quattro giorni di cinema e critica
Con il Festival Adelio Ferrero quattro giorni di cinema e critica
Alessandria-Prato 1-0. Il dopo partita
Alessandria-Prato 1-0. Il dopo partita
Monza-Alessandria 1-1. Il dopo partita
Monza-Alessandria 1-1. Il dopo partita
Alecomics 2017: le splendide foto di Vittorio Destro
Alecomics 2017: le splendide foto di Vittorio Destro
La Polizia vista da vicino, porte aperte per la festa del patrono
La Polizia vista da vicino, porte aperte per la festa del patrono
Sentiero 748: il percorso ad anello sulle cime di Mombello
Sentiero 748: il percorso ad anello sulle cime di Mombello
M5S: strade dissestate di città e sobborghi. Si interverrà?
M5S: strade dissestate di città e sobborghi. Si interverrà?