Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Arquata Scrivia

Arquata, aggrediti due agenti Polfer. Il sindacato: "Ripristinare i presìdi chiusi"

Due poliziotti sono rimasti feriti durante un controllo alla stazione di Arquata Scrivia. Lo rende noto il sindacato Coisp, che denuncia: "Bisogna ripristinare i presìdi chiusi nei mesi scorsi, come quello di Arquata appunto, e dotare gli agenti di idonei mezzi di difesa"
ARQUATA SCRIVIA – Due agenti della polizia ferroviaria sono rimasti feriti durante il controllo di alcuni individui alla stazione di Arquata Scrivia. A rendere noto l’accaduto è Carlo Rosso, segretario provinciale del Coisp, il sindacato delle forze di polizia.

Secondo quanto riferito dal sindacato, nella mattina di venerdì 16 giugno, due poliziotti della polfer di Novi Ligure, comandati di servizio alla stazione di Arquata, hanno controllato alcune persone, tra cui un cittadino nigeriano. Questi dapprima ha consegnato spontaneamente i propri documenti, poi ha fatto per allontanarsi e si è diretto verso la piazza antistante la stazione.

Qui, sempre in base a quanto fa sapere il Coisp, il nigeriano ha iniziato a inveire contro i poliziotti che, nel tentativo di contenere l’atteggiamento dell’uomo, gli si sono avvicinati con la massima cautela. Che però non è servita: l’uomo si è avventato contro gli agenti con calci e pugni ferendoli e costringendoli ad arrestarlo per evitare conseguenze ulteriori.

Spiega Carlo Rosso: «I due poliziotti sono stati visitati e medicati all’ospedale San Giacomo, con prognosi di giorni 15 ciascuno, danni anche materiali (occhiali da vista danneggiati che il collega dovrà riparare a proprie spese)».

«Quanto accaduto – sottolinea il segretario del Coisp – riconduce a situazioni che stiamo denunciando già da tempo. Nel caso di Arquata Scrivia gli operatori si sono dovuti adoperare con non poche difficoltà, in una stazione in cui fino a poco tempo fa era presente un posto di polizia ferroviaria (chiuso con decreto del 31 marzo 2017) e dove la vigilanza viene effettuata dal personale della Polfer di Novi Ligure per cercare di sopperire alla “mancanza” causata dal provvedimento di chiusura».

«Alla luce di questi episodi – conclude Rosso – chiediamo di dotare tutto il personale di idonei mezzi di difesa (ad esempio lo spray al “peperoncino”) e auspichiamo un passo indietro sui provvedimenti di chiusura per ripristinare la presenza degli uffici Polfer nelle stazioni».
18/06/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione