Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Rugby

Una domenica di festa per i quasi 200 minirugbisti nel fango del 'Ferrovieri'

Un’autentica battaglia, una sfida di lotta, di sacrificio, di conquista metro dopo metro, di orgoglio. Il concentramento in scena domenica 11 al “Ferrovieri” di Alessandria è stato tutto questo
ALESSANDRIA - Un’autentica battaglia, una sfida di lotta, di sacrificio, di conquista metro dopo metro, di orgoglio. Il concentramento in scena domenica 11 al “Ferrovieri” di Alessandria è stato tutto questo. Più di 180 minirugbisti, per sei clubs: oltre ai padroni di casa dell’Alessandria Rugby, anche Juinior Asti Rugby, Rugby Novi, Acqui Rugby Semptebrium, Cuneo Pedona Rugby e Rivoli Rugby.

Si sono viste partite d’altri tempi, con un campo reso quasi impraticabile dalla pioggia, con tutti gli schemi saltati, dove l’unica cosa che contava era la voglia di non mollare. Mai. L’unica cosa che contava era non avere paura. Mai. Tutto ciò aiuta a crescere, sul campo e nella vita di tutti i giorni.

Ottime prove per le formazioni Under 8 e 12 dell’Alessandria, che vincono, convincono e si divertono. Spettacolari i piccoli dell'U6 che fanno vedere cosa vuol dire essere rugbysti e non mollare mai nonostante il tempo e il numero di partecipanti. Impresa degli Under 10, che alla fine l’hanno spuntata dopo due vittorie e il pareggio in rimonta contro l’Asti, al termine di una gara che i Grayblacks ricorderanno a lungo.

I risultati contano, certamente, ma non sono tutto. Vale la pena soffermarsi a riflettere su quanto ha detto direttamente ai suoi giocatori alla fine Luca Righini, da alcune settimane entrato a fare parte dello staff tecnico dell’Under 10 alessandrina insieme a Ivo Rapetti: “Non c’è nulla di più sbagliato nel pensare che tutto sia già scontato, la vita ti riserva anche molte cose buone, cose per cui vale la pena trascorrere una domenica sotto l’acqua nel fango. Vedervi crescere e lottare è una delle più belle soddisfazioni per un allenatore, oggi avete fatto la vostra grande figura ed io posso solo ringraziarvi”.

Il ringraziamento più sentito va ai mini rugbysti di tutte le società per l'impegno e la voglia di giocare messo nonostante il campo e il tempo ma anche a tutti gli educatori e accompagnatori sempre al fianco dei piccoli atleti che sentono la vicinanza e il supporto di tutti. Un plauso allo staff organizzativo, non era semplice, con queste condizioni meteo, la riuscita di un raggruppamento e la macchina organizzativa ha saputo tenere in linea gli ingranaggi e portare grandi risultati anche dal lato  organizzativo. 


14/03/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano