Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Trovato un accordo: stipendi per le partecipate e ripresa dei servizi

Entro al massimo martedì gli stipendi saranno versati ai dipendenti di Amiu, Aspal e Atm. Rigettato l’accordo “ricatto” che pretendeva la sottoscrizione per i dipendenti di un finanziamento, il sindaco Rita Rossa insieme al prefetto Romilda Tafuri ha sbloccato parte dei fondi destinati all’Organismo Straordinario di Liquidazione
"Poiché i commissari non sono ancora arrivati, ma lo faranno a breve, e dovranno liquidare i debiti del Comune nei confronti delle partecipate, allora è in qualche modo legittimo anticipare parte della somma che loro sbloccheranno in favore di Amiu, Aspal e Atm per consentire che gli stipendi di agosto vengano finalmente pagati". E’ più o meno questa la ratio che dopo ore di passione e interminabili incontri in Prefettura (dai toni anche accesi, intervallati con telefonate a Roma) ha consentito di risolvere positivamente lo stallo nel quale la città era sprofondata e di dare mandato alla Banca di Legnano, Tesoriere del Comune, di procedere con l'esecuzione immediata dei pagamenti.

A seguito di questa decisione, che ha soddisfatto sia i sindacati che i lavoratori, già a partire da questa mattina i servizi erogati dalle partecipate ripartiranno in città normalmente, dopo il blocco di ieri, quando erano stati garantiti solamente i servizi più delicati (nella foto un cumulo di rifiuti accantonati davanti all'ingresso, chiuso, dell'Amiu). 

A differenza di quanto successo appena un giorno fa quindi, quando la proposta di accendere una sorta di finanziamento intestato personalmente a ciascun dipendente per ottenere lo stipendio era stata rispedita con indignazione al mittente, al termine dell’incontro in Prefettura avvenuto ieri sera lavoratori e sindacati hanno espresso grande soddisfazione per la soluzione trovata, che riguarderà solamente gli stipendi di agosto, ma che lascia aperta una strada da seguire anche per quelli di settembre e i successivi. Si sta infatti sondando la possibilità di concedere una linea di credito direttamente alle aziende partecipate (almeno ad Aspal e Atm, dove l'operazione è più semplice per l'assenza di incagli bancari) e non più ai lavoratori, senza l'obbligo di sottoscrivere alcun conto. Entro martedì della prossima settimana tutti riceveranno lo stipendio previsto inizialmente per il 27. I fondi sbloccati in via eccezionale saranno ripartiti secondo le necessità: 86mila euro per Aspal, 150mila per Atm (che consentiranno di completare la parte dello stipendio non ancora erogata) e circa 420mila euro per Amiu.

Nella conferenza stampa tenuta ieri nel tardo pomeriggio (della quale mettiamo a disposizione dei nostri lettori il video integrale, diviso in due parti) il sindaco Rita Rossa non ha utilizzato mezzi termini nel definire “un errore la proposta avanzata ieri ai lavoratori, pur se era dettata dalla fretta di trovare una soluzione” e ha spiegato come, proprio dai dipendenti delle partecipate, abbia ricevuto una lezione utile per il futuro: “la città la sia può salvare solamente insieme, ciascuno con il suo compito, ma concordando gli interventi e mettendo in atto iniziative di protesta anche forti se necessario”, concetto ribadito con grande forza anche dall’assessore Giorgio Barberis, che fra le sue deleghe ha quelle legate al lavoro e alla tutela dei diritti dei cittadini. Barberis ha sottolineato come "il caso alessandrino servirà probabilmente da esempio ad altri dissesti che colpiranno purtroppo enti locali in futuro, e che proprio per questo servirà la capacità di elaborare insieme soluzioni vincenti e in grado di risolvere concretamente i problemi di tutti, senza generare lavoratori e cittadini di seria A o di serie B”.

Il primo cittadino ha poi illustrato alcuni passaggi chiave del piano previsto per dare continuità all’opera di risanamento dei conti “evitando però che la città venga soffocata, senza la possibilità di rialzarsi in piedi”.

Fra i più significativi, un filo diretto attivato con il Governo nazionale per studiare deroghe alle leggi che impedirebbero al comune di beneficiare di alcune norme varate dal Governo (in quanto fuori dal patto di stabilità) e importanti dilazioni nei tempi di rientro del debito, così da consentire interventi più graduali, sebbene strutturali, e non incidere in maniera mortale su investimenti e posti di lavoro.

Per quel che riguarda la situazione di Amiu, fra le partecipate quella con maggiori problemi, per via della cessione di credito in corso con la banca Barclays, che di fatto impedisce alla società di avere conti in attivo, il sindaco ha prospettato un piano di rilancio, fugando le paure di quanti temono possa fallire, e ha annunciato che è allo studio la strategia per rigettare l’accordo sottoscritto con la banca dalla precedente amministrazione, considerato un contratto capestro.

Un ruolo fondamentale sarà quello ricoperto dai commissari che guideranno l’”Organismo straordinario di Liquidazione”, attesi ormai a giorni. “Saranno infatti loro - ha spiegato il Primo cittadino - a poter sbloccare i fondi che al momento sono accantonati (e parte dei quali è stato ora liberato dal vincolo grazie all’intervento del Prefetto e messo a disposizione delle partecipate per pagare gli stipendi). Con loro speriamo arrivi anche il pagamento dei crediti che vantiamo nei confronti dello Stato e degli altri enti locali, così da superare la crisi finanziaria più stringente il prima possibile. Anche se questi aspetti burocratici è fondamentale l’aiuto di Roma - ha concluso Rita Rossa - perché compia tutto il più celermente possibile. Le nostre scuse ai lavoratori vanno anche per la gestione delle tempistiche, con la comunicazione che non ci sarebbero stati i fondi da girare alle partecipate per gli stipendi arrivata a ridosso del 27. Si è trattato proprio di un problema di fondi che il Governo avrebbe dovuto erogare e che poi invece non sono arrivati. Questo, insieme con il periodo di ferie che ha complicato i rapporti con le banche e gli altri partner istituzionali, ci ha costretti a questo ritardo”.

Per tentare di scongiurare che problemi simili si ripetano in futuro, è già stato fissato per il 18 di settembre un tavolo di lavoro che vedrà nuovamente coinvolti sindaco, prefetto, presidenti delle partecipate e sindacati per approntare le soluzioni più idonee a garantire la regolarità nel pagamento di tutti gli stipendi.
30/08/2012

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa