Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Tra centralizzazione e decentramento: un convegno sulla nascita dell'Italia repubblicana e dell'Europa unita

Organizzato dal Laboratorio di Storia, Politica e Istituzioni dell'Università, il convegno del 23 e 24 marzo analizzerà il decennio cruciale 1939-1948
ALESSANDRIA - Il Laboratorio di Storia, Politica e Istituzioni (La.S.P.I.) del Dipartimento di Giurisprudenza e Scienze Politiche, Economiche e Sociali di Alessandria organizza il 23 e 24 marzo il Convegno di studi Centralizzazione, decentramento e federalismo tra guerra civile europea, resistenza e ricostruzione democratica (1939-1948). Interamente ospitato dalla Sala Lauree di Palazzo Borsalino (via Cavour 84), il convegno è coordinato dal professor Corrado Malandrino, ordinario di Storia delle dottrine politiche, e dal dottor Stefano Quirico; l’evento, a cui prenderanno parte studiosi dell’Università del Piemonte Orientale e di altri Atenei italiani, sarà anche l’occasione per contribuire alla celebrazione pubblica del 60° anniversario della firma dei Trattati di Roma, che ricorre il 25 marzo.

“Il Convegno di studi – ha sottolineato il professor Malandrino – indagherà il complesso decennio che abbraccia l’inizio della Seconda Guerra Mondiale e i primi anni del Dopoguerra, scandito dal susseguirsi di guerra, resistenza e ricostruzione democratica. È proprio in questi anni che nuove sensibilità federative e autonomistiche mettono a fuoco il centralismo statale sovrano tra le cause che hanno portato, nel primo dopoguerra, alla nascita dei totalitarismi. Lo Stato nazionale moderno è percepito come modello da depotenziare in termini dottrinari e istituzionali, favorendo la nascita di libere aggregazioni federative sovranazionali e valorizzando principi ed elementi di autogoverno e autogestione a livello regionale o locale”.

Le due giornate di lavori intendono ripercorrere la discussione tra decentratori e accentratori, evidenziando il contributo offerto da note personalità dell’Italia del tempo – alcune delle quali di origine alessandrina e piemontese – accanto a studiosi e intellettuali europei, da cui traggono origine proposte e suggestioni che conservano un elevato significato politico-culturale a 60 anni di distanza dai Trattati di Roma e in vista del 70° anniversario della Costituzione repubblicana.

Il convegno sarà introdotto dal professor Salvatore Rizzello, direttore del Dipartimento, e dal professor Malandrino giovedì 23 marzo alle 15; tra i relatori, oltre ai docenti dell’Upo Chiara Tripodina, Giorgio Barberis, Maurilio Guasco e Francesco Ingravalle, interverranno Claudio Palazzolo (Università di Pisa), Francesco Tuccari, Sara Lagi e Umberto Morelli (Università di Torino), Stefano Parodi e Anna Maria Lazzarino Del Grosso (Università di Genova), Alberto Ballerino e Tiziana Carena (La.S.P.I.), Luciana Ziruolo (Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea di Alessandria “C. Gilardenghi”).
17/03/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Gig Economy: 'in provincia 1000 profili attivi'
Gig Economy: 'in provincia 1000 profili attivi'
Gig Economy e sindacato: la posizione della Uil
Gig Economy e sindacato: la posizione della Uil
Gig Economy in Piemonte: quali sono le problematiche?
Gig Economy in Piemonte: quali sono le problematiche?
Video dei Carabinieri: ecco alcuni istanti della violenta rapina a Pozzolo
Video dei Carabinieri: ecco alcuni istanti della violenta rapina a Pozzolo
Viterbese-Alessandria 1-1. Il dopo partita
Viterbese-Alessandria 1-1. Il dopo partita
Alessandria accessibile?
Alessandria accessibile?
Alessandria-Prato 2-2. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Prato 2-2. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Prato 2-2. Il dopo partita
Alessandria-Prato 2-2. Il dopo partita
Csi Model, Marco Biorci: la nave città di Alessandria
Csi Model, Marco Biorci: la nave città di Alessandria
Vittoria Oneto, Alessandria Photo Marathon: non solo foto
Vittoria Oneto, Alessandria Photo Marathon: non solo foto