Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Torna il porfido al Cristo. E anche Spinetta si rifà il look

E' giunto alle battute finali l’intervento di ripristino stradale del quartiere Cristo, dopo i lavori di posa dei tubi del teleriscaldamento. Sulle strade è tornato il porfido con i lavori ad opera di Alessandria Calore. Mentre l'amministrazione guarda a Spinetta Marengo: in questi giorni partiranno i lavori su via Genova con traffic-calming e rifacimento marciapiedi
 ALESSANDRIA - È giunto alle battute finali l’intervento di ripristino stradale del quartiere Cristo, dopo i lavori di posa dei tubi del teleriscaldamento. Gli addetti di Alessandria Calore hanno rimosso martedì 18 aprile le recinzioni dell’ultimo cantiere, presente incorso Acqui, angolo via Maggioli. Le operazioni si sono svolte in modo regolare e senza particolari ripercussioni sul traffico cittadino, concludendosi con qualche giorno di anticipo rispetto al cronoprogramma, grazie anche alle buone condizioni meteorologiche.

Come già annunciato, può ora tornare il porfido sulle strade del quartiere Cristo: i cubetti porfid-bloc che erano risultati scheggiati sono stati sostituiti integralmente, a spese dell’azienda (i blocchetti rimossi restano, comunque, custoditi in un deposito di Alessandria Calore, situato a Litta Parodi, a disposizione del Comune di Alessandria per eventuali usi futuri o operazioni di stoccaggio in altra sede).
Tra maggio e giugno, le vie che non sono state interessate dalla sostituzione del porfido, saranno asfaltate, secondo un programma in via di definizione e in accordo con il Comune di Alessandria. Nello specifico si tratta di via Maggioli, Corso Carlo Marx nell’incrocio con via Maggioli, Via Verneri, via Scazzola e, infine, Corso Acqui per i tratti asfaltati e non porfidati.

Anche il sobborgo di Spinetta Marengo sembra pronto per rifarsi il look. L'amministrazione comunale ha infatti comunicato che in questi giorni, ieri 20 aprile, sono iniziate le procedure di tracciamento e successiva realizzazione di tre attraversamenti pedonali rialzati in via Gambalera. Non sono previste particolari limitazioni alla circolazione stradale al di fuori di quelle evidenziate puntualmente dal cantiere.

Sempre a Spinetta Marengo, a partire da mercoledì 26 aprile inizieranno anche i lavori di realizzazione dei traffic-calming in via Genova nonché i lavori di rifacimento dei marciapiedi di via del Ferraio (tratto Scuole). Successivamente i lavori proseguiranno in ulteriori tratti stradali, secondo quanto previsto dal Servizio Manutentivi per Infrastrutture e Servizi a Rete della Direzione Comunale Politiche Territoriali e Infrastrutture di Alessandria.

Le lavorazioni citate non comportano limitazioni al traffico veicolare, ma solo alcune sospensioni al transito pedonale. Eventuali ulteriori limitazioni al traffico che si rendessero necessarie saranno opportunamente e tempestivamente comunicate.
21/04/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Alessandria-Renate, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Renate, le foto di Gianluca Ivaldi
Vittorio Sgarbi ad Alessandria
Vittorio Sgarbi ad Alessandria
Housing Sociale San Michele: ecco a che punto è il cantiere
Housing Sociale San Michele: ecco a che punto è il cantiere
Anteprima della mostra Il Giorno del Ricordo - la tragedia delle Foibe
Anteprima della mostra Il Giorno del Ricordo - la tragedia delle Foibe
Un nodo blu contro il bullismo - le scuole unite nella manifestazione
Un nodo blu contro il bullismo - le scuole unite nella manifestazione
Alessandria-Robur Siena 1-1. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1. Il dopo partita
Alessandria-Robur Siena 1-1. Il dopo partita
Livorno-Alessandria 0-1. Il dopo gara
Livorno-Alessandria 0-1. Il dopo gara
Mostra di Chagall - Oltre il Paesaggio in Biblioteca Civica
Mostra di Chagall - Oltre il Paesaggio in Biblioteca Civica
I ciclisti non sono cittadini di serie B, chiedono gli stessi diritti di tutti gli utenti della strada
I ciclisti non sono cittadini di serie B, chiedono gli stessi diritti di tutti gli utenti della strada