Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Lissondria

Tani u di, ancura na vta: "Ma i la vori antndi che im devi teni pulid u lecc!"

Finalmente si fa pulito attorno al ponte Forlanini. MA se guardate la foto di fine '800 e quella dell'11 novembre, capirete perch tagliare degli alberi non basta pi: bisogna portar via migliaia di metri cubi di terra
LISSONDRIA - Finalmént us fa pulid a suta 'l pònt Forlanini. Dòp al prutesti ecco che, dai Palassi ch'i chèntu, u jè spuntà omi e machinari che is dòn in gròn da fè per tajè pionti e érbàss per serché 'd fè pulid Tani an sponda dricia e snistra.
Evidentement cui quatèr gat ch'i sòn partì da Lissòndria per andè a Tùrén, ant'él palassi dlà Regiòn, a reclamè per l'indifferénsa dimustraja dai Palassi 'd Lissòndria, i devu avéi facc capì che la questiòn a lè seria, ma seria dabòn.
Difatti, se cui di palassi chi chentu, is bitu nènta ant'l'a testa che i devu fè an manéra 'd téni pulid Tani e i-j'ersu dél nòv Forlanini, Tani um la stèra turna me ch'l'hà šà strà cul vègg, datato fine '800 (vedi foto prima e dopo).
"Us trata - l'ha spiegà Giuseppe Monticone, ch'l'è 'l presidént del Comitato alluvionati "Oltre il fango" - 'd purtè veja cuc coša 'mé 10mila mc. 'd pri-j e sabbia, per la prufondità 'd 5 o 6 metèr per 20 ad larghèssa.
E se us fà nénta is travaj con custònsa e determinassiòn, il Forlanini, da minca 'n tònt, el biterrà an cundissòn na bòn-na part dla sità d'andè col cù a moi".
Pèr adéss i taju e i portu veja la ramaja e 'l pionti pù grossi, ma pò dòp, ui tucherrà al ruspi entrè con determinassiòn e purtè veja el pù pussìbil tèra e sabbia depusitaja da Tani an vent'ani e pù.
L'è na speiša, d'acordi, ma Tani us n'antend uari di regulamént d' i-j'omi, Tani el capiss anmà na roba, e cioè che, se i lissandrén i tenu nènta pulid eršu e lecc, lü él mòla šù cul ch'u trova ans la sò strà.
E se i-j omi i-j ansistu a fé fadeja a purtè veja cul che Tani u lassa ans'la sò strà, ani dop ani, ecco che adèss ui tucherrà spendi ant'na vòta sula cul che i-j hòn nènta spendì an vent'ani e pussa!
Quondi che i lissandrén, ma nènta anmà lùr, i la capirrön, u sarà sèmpèr tròp tardi.
Ma sacranön, i la voru capì sé o nò che da quondi ch'i fòn pù pulid Tani, 'mè ch'i favu na vota cui "gnurantòn" di nostér vègg, purtònda veja i deposìt aluviunàl, u lecc el cuntinuerrà a ousèss e a strè qualunque pònt che i-j omi, da gnurantòn 'mè chi sòn, i cuntinuerròn a tirè sù, ch'ui piaša o no, a chi chì ch'u scriv i regulamént!!!










































Il Tanaro dice, ancora una volta: "La volete capire che mi dovete mantenere pulito il letto?"


Finalmente si fa pulizia sotto il ponte Forlanini, dopo le proteste, ecco che dai Palazzi che contano, sono spuntati uomini e macchiari che si danno un gran daffare nel tagliare piante ed erbacci, per cercare di far pulito il Tanaro in sponda destra e sinistra.
Evidentemente quei quattro gatti che sono partiti da Alessandria per andare a Torino, nel palazzo della Regione, a reclamare per l'indifferenza dimostrata dai Palazzi di Alessandria, devono aver fatto capire che la situazione è seria, ma seria veramente!
Infatti, se quelli dei Palazzi che contano, non si mettono in testa che devono fare in modo di mantenere pulito il Tanaro e gli argini del nuovo nuovo Forlanini, il Tanaro lo sotterra nuovamente, come ha già sotterrato quello vecchio, datato fine '800 (vedi foto prima e dopo).
"Si tratta – spiega Giuseppe Monticone, il presidente del Comitato alluvionati "Oltreil fango" – di portare via qualcosa come 10mila mc. di pietre e sabbia, per la profondità di 5 o sei metri per 20 di larghezza".
E se non si fa questa operazione con costanza e deteminazione, il Forlanini, di tanto in tanto metterà in condizione buona parte della città di finire con il (scusate ma quando ce vò ce vò) culo a mollo!
Per adesso portano via i rami e i tronchi più grossi ma subito dopo sarà la volta delle ruspe entrare con determinazione e portare via terra il più possibile pietre e sabbia depositate dal Tanaro in vemt'anni e più.
E' una spesa, d'accordo, ma il Tanaro non conosce i regolamenti degli uomini, il Tanaro comprende solo una cosa, e cioè, che se gli uomini non mantengono pulito il letto e gli argini lui scarica tutto quello che trova sul suo percorso.
E poiché gli uomini insistono nel far fatica a raccogliere quello che il Tanaro abbandona, anno dopo anno, ecco che ora dovranno spendere molto di più per quanto non fatto nel corso di vent'anni e più.
Quando gli alessandrini, e non solo loro, lo capiranno, sarà sempre troppo tardi!
Ma accidenti, la vogliono intendere si o no, che da quando non si pulisce più il Tanaro, come facevano una volta quegli "ignorantoni" dei nostri vecchi, portando via i depositi alluvionali, il letto del fiume continuerà ad alzarsi sotterrando qualunque ponte che gli uomini, da ignoranti quali sono, continueranno a costruire, piaccia o no a chi scrive i regolamenti!!!





 
12/11/2017
Pidrn, l'anvud del magnn d'i-j Ort - Piero Archenti - redazione@alessandrianews.it

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
La Notte dei Ricercatori 2018
La Notte dei Ricercatori 2018
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Operazione Borderline
Operazione Borderline
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri