Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Sindacati soddisfatti per le aperture del Governo, ma...

"Dal Governo finalmente una risposta positiva...." queste sono le prime parole delle tre sigle sindacali alla notizia di apertura da parte di Roma. Ma se dal fronte nazionale, sembra esserci una moderata soddisfazione, altrettanto non sembra potersi dire . per i sindacati - dal fronte dell'amministrazione comunale...
 ALESSANDRIA - "Dal Governo, finalmente una risposta positiva almeno a una delle richieste che da quasi due anni il sindacato ha sostenuto, con tante mobilitazioni fino ad andare a Roma. Da quanto appreso questa mattina, sembra esserci una parziale soluzione sui tempi, vale a dire lo spostamento dei termini per il pareggio di bilancio".
Così inizia il comunicato delle organizzazioni sindacali, Cgil, Cisl e Uil, in merito alle aperture dal Governo centrale per la questione "dissesto" di Alessandria. "Apprendiamo altresì che è sciolta positivamente l'incognita della penalizzazione per il mancato rispetto del patto di stabilita, vale a dire svariati milioni che ballavano sulla tenuta del bilancio. Sono notizie positive".

Ma non manca occasione per mettere i puntini sulle "i" per l'azione che ora spetta alla Giunta di Rita Rossa. "Se il Governo qualche risposta l'ha data, la parte grossa compete all'amministrazione. Qual è il disegno complessivo?". Al di la della esternazioni dei singoli assessori, ultimo Ferraris che il disegno lo descrive molto bene, parlando da sindaco in pectore, ci sono atti formali che dicono molto.
"Soltanto in questi giorni, siamo entrati in possesso di una delibera di giunta del 1 agosto 2013 n. 206 , in cui si afferma che “ è necessario operare scelte di Bilancio con notevole impatto territoriale” … “l’Amministrazione dovrà individuare le risorse finanziarie necessarie alla liquidazione attraverso azioni e piani che avranno inevitabilmente ricadute sul tessuto economico e sociale della città”

"Dica il sindaco (quello eletto) se quella è la strada che vuole seguire. Se quello è il modello di città e di lavoro che intende realizzare per mezzo delle norme sbagliate sul dissesto", domandano implicitamente i sindacati.
Se questa è la strada, la preoccupazione materiale per la sorte dei lavoratori tutti e dei servizi resta altissima.  "Dobbiamo attenderci altre e ben più pesanti ricadute sui lavoratori, oltre ai prezzi già pagati fin qui.  Non siamo d'accordo, non possiamo accettare macelleria sociale.  Lo diciamo senza paura, e ostinatamente coerenti con quanto abbiamo sempre sostenuto. Ma, ci auguriamo ancora, per i lavoratori e per la città, che la linea del sindaco e della maggioranza che la sostiene non sia questa".
In ogni caso, adesso ci vuole chiarezza senza più infingimenti.
30/10/2013

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano