Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Bistagno

Scontro fra auto e moto, morto il conducente della due ruote

L'incidente è avvenuto il pomeriggio di sabato 16 febbraio, poco dopo le 15. Ancora in fase di accertamento la dinamica
BISTAGNO -10:00 Carlo Cazzola la vittima dell'incidente

Sono ancora in corso gli accertamenti da parte dei Carabinieri della compagnia di Acqui Terme per determinare le cause dello scontro avvenuto nel pomeriggio di sabato 16 febbraio tra una moto e un'auto. A perdere la vita nello scontro frontale è stato Carlo Cazzola, 65 anni di Bistagno. L'uomo in sella alla propria BmW si è scontrato con un'auto che proveniva in direzione opposta, di una compaesana. L'uomo è morto sul colpo e all'arrivo dei soccorsi non c'è stato più nulla da fare.

[Seguiranno aggiornamenti]

Il sabato pomeriggio è stato funestato da un grave incidente avvenuto poco dopo le 15, in località Bistagno, provocato dallo scontro fra due mezzi.

Ad avere la peggio è stato il conducente della moto, purtroppo deceduto. Sul posto i medici del 118. Gli accertamenti sulla dinamica di quanto avvenuto sono in corso. 
16/02/2019

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali