Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia

Sblocco pagamenti alle imprese: soldi agli enti locali entro luglio

Il Piemonte accelera l'applicazione del decreto legge n. 35 sullo sblocco dei pagamenti alle imprese e ha già raggiunto con il Ministero l'intesa per ricevere l'anticipazione dei fondi, che ammontano in due anni a un totale di 1 miliardo e 107 milioni. Cota: "Liquidità immediata per aiutare le imprese a superare la crisi"
 PIEMONTE - Entro la fine di luglio le imprese piemontesi che vantano crediti scaduti nei confronti degli enti locali e che non hanno ceduto tali crediti alle banche otterranno in via prioritaria quanto loro dovuto.
Il Piemonte accelera l'applicazione del decreto legge n. 35 sullo sblocco dei pagamenti alle imprese (convertito in legge il 6 giugno scorso) e ha già raggiunto con il Ministero l'intesa per ricevere l'anticipazione dei fondi, che ammontano in due anni a un totale di 1 miliardo e 107 milioni (447 per il 2013 e 660 per il 2014).

In questi giorni è atteso l’arrivo delle spettanze per il 2013. Solamente per gli enti locali (cui spettano i due terzi della somma anticipata) la cifra stanziata quest’anno è 299 milioni. Complessivamente la provincia di Alessandria (tra Comuni, Provincia e consorzi) beneficerà di oltre 34 milioni di euro, così ripartiti: 6 milioni 464 mila euro ai Comuni (quello che prende di più è il comune di Casale Monferrato, con 1 milione 781 mila), 19 milioni 423 mila alla Provincia, 7 milioni 540 mila euro ai Consorzi ( di cui 3 milioni  472 mila euro al Cissaca) e un milione 307 mila euro alle Comunità Montane. Per i singoli dati, dal sito della Regione Piemonte, clicca qui. 
Grazie ad un apposito accordo siglato con Anci e Upi, non appena arriverà la tranche dei finanziamenti, la Regione “girerà” le risorse agli enti locali che perfezioneranno il pagamento alle imprese. Tutta l’operazione si concluderà in 30 giorni .

"Finalmente mettiamo un punto fermo su una questione di cruciale rilevanza per la vita delle nostre aziende, in certi casi per la loro stessa sopravvivenza - commenta il Presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota - La nostra Regione ha cercato di fare il possibile per velocizzare l'iter, consapevole della necessità immediata di immettere liquidità nel sistema economico e per agevolare così la ripresa. Ma non è un percorso che si completa ovviamente oggi, bensì un punto di partenza per rendere davvero efficiente la Pubblica Amministrazione. Ne va della nostra competitività".

"Questa operazione non crea nuova spesa e riguarda debiti pregressi, già verificati dalla Regione. Le spettanze vengono sbloccate attraverso un meccanismo di anticipazione che era certamente indispensabile – aggiunge il Vice Presidente e Assessore al Bilancio, Gilberto Pichetto Fratin – Il Piemonte è la seconda regione italiana dopo il Lazio ad applicare gli effetti del decreto legge 35 e si distingue dunque positivamente in questo senso".
Questo tema, con ogni probabilità, sarà riaffrontato nell'incontro di lunedì previsto tra amministrazione regionale e province piemontesi. 
 
29/06/2013

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano