Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia

Sacchetti rifiuti col chip: ora la sperimentazione a Valenza... poi Alessandria?

In alcuni comuni gestiti dalla Amv di Valenza è già attiva la fase sperimentale della raccolta dei rifiuti (indifferenziati) in sacchetti col microchip così da avere una "tariffa puntuale" e pagare in base a quanto si butta. Un anno di raccolta dati e di "collaborazione" dei cittadini per partire con una bolletta meno cara nel 2017. E Alessandria aspetta di vedere i risultati...
ECONOMIA - Una rivoluzione sulla raccolta dei rifiuti pensata lo scorso anno e diventata fase sperimentale e transitoria a partire dal 2016. E’ Valenza a fare da apripista alla “tariffa puntuale”, o meglio i comuni che hanno già il porta a porta (mentre la città dell’oro ha ancora la raccolta su strada) e che sono serviti dalla Amv Ambiente Srl e a breve anche le frazioni di Valenza. Questo significa che Castelletto, San Salvatore, Pecetto, Bassignana, Piovera e Rivarone in questo anno sperimentano la raccolta del generico, cioè dell’indifferenziato in sacchetti “speciali”, con il microchip, identificativi del singolo utente. Questo servirà – a partire dal 2017, dopo una statistica dei dati che darà nello specifico il peso di questa tipologia di raccolta e che servirà al consorzio e al comune per parametrare le future tariffe– a far pagare meno a chi produce meno immondizia. E a far pagare per quello che si butta, sulla base di una tariffa rifiuti che sarà divisa in una quota fissa (per sostenere il servizio) e una parte variabile, in base al volume, quindi in base al numero dei sacchetti che ogni utente produce. L’equazione è quindi meno sacchetti, minor costo.

Come funziona lo ha spiegato l’amministratore unico di Amv Srl, Roberto Contotto. “Noi oggi abbiamo acquistato una partita di sacchetti col chip che vengono distribuiti ai cittadini attraverso il Comune. Sacchetti registrati: ad ogni utente corrisponde un codice identificativo che è applicato appunto al sacchetto della spazzatura”. Anche il parco mezzi si è dovuto adeguare, ma con una spesa contenuta e meno invasiva di quanto non si possa pensare. “Nessun cambio mezzi. Abbiamo comprato delle antenne da applicare al mezzo, che leggono a distanza il codice e lo trasmettono per mezzo di una sim alla centrale”. E il gioco è fatto. Le antenne oggi a disposizione dell’azienda sono tre (per un costo di circa 1500 euro l’una) che vengono spostate da un mezzo all’altro a seconda dell’esigenza e del servizio. Questa spesa si aggiunge a quella dei sacchetti, per un investimento complessivo di circa 50 mila euro, come ha confermato l’ad Contotto. “Un investimento possibile, molto meno costoso di tanti altri, come ad esempio quello dei cestelli utilizzato in altri comuni della provincia. A volte si sottovalutano i costi…”

Una sperimentazione che va seguita e veicolata, soprattutto nei confronti dei cittadini. “Noi stiamo provando per valutare quali sono gli errori, quali migliorativi apportare. E il primo è sui sacchetti”. La valutazione dell’azienda è che non si possono avere solo sacchetti microchippati di una dimensione (esempio di 80 litri come quelli utilizzati oggi), perché magari sono troppo grandi per un nucleo familiare di poche persone o viceversa troppo piccoli per altre famiglie. Anche la comunicazione e quindi successiva “collaborazione” da parte della gente non è così immediata. “Ma questo anno di prova vuole proprio servire a ciò, a far comprendere come una buona raccolta differenziata torna poi a vantaggio della città e dei suoi abitanti, con un ritorno di risorse al Comune”. 

Un banco di prova che funzionerà anche come “modello” per l’Amag Ambiente di Alessandria? Sembra proprio essere così. L’Amv fa parte del Consorzio e “la sperimentazione con raccolta dati, errori e miglioramenti possibili, per ridurre anche i costi, non può che essere per noi un’occasione per non ripetere gli stessi sbagli e arrivare preparati su Alessandria e i sobborghi” ha spiegato l’ingegner Righetti, amministratore delegato dell’azienda di raccolta rifiuti alessandrina. Tariffa puntale quindi all’orizzonte, anche se ancora non troppo vicino.

Intanto, nel resto della provincia, in vista un profondo cambiamento nel sistema della raccolta differenziata, che avrà un costo non indifferente per l'adeguamento delle strutture, tra i 15 e i 20 milioni di euro in dieci anni. E ora i Comuni sono preoccupati per le possibili ricadute sui bilanci. [LEGGI "IL RISIKO DEI RIFIUTI CHE PREOCCUPA I SINDACI"]
29/02/2016

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


I Grigi tornano a casa con una serata di gala
I Grigi tornano a casa con una serata di gala
Lucchese-Alessandria, il dopo gara
Lucchese-Alessandria, il dopo gara
Alessandria-Olbia, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Olbia, le foto di Gianluca Ivaldi
Comitato Alluvionati al Palazzo Lascaris
Comitato Alluvionati al Palazzo Lascaris
Il Comitato in partenza per la manifestazione
Il Comitato in partenza per la manifestazione
Il Comitato alluvionati a Palazzo Lascaris
Il Comitato alluvionati a Palazzo Lascaris
Fulmine colpisce un albero davanti all'ospedale
Fulmine colpisce un albero davanti all'ospedale
Bestiario della Cittadella
Bestiario della Cittadella
Giana Erminio-Alessandria 2-2. Il dopo partita
Giana Erminio-Alessandria 2-2. Il dopo partita
Alessandria-Pisa 0-2. Il dopo partita
Alessandria-Pisa 0-2. Il dopo partita