Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cronaca

Presa la banda del gasolio che imperversava nelle campagne

Dal carburante nei trattori agli attrezzi in una ditta di Bosco Marengo. Gettoni di un autolavaggio, tubi, cavi di rame. E pure un po' di droga. Dopo una lunga indagine e un'operazione che ha impiegato venti carabinieri, finalmente è stata sgominata.
CASTELLAZZO BORMIDA - Non erano solo in due a 'sporcarsi le mani' e a rubare il gasolio da un trattore uilizzato come forza motore per irrigare i campi tra Castellazzo e Casal Cermelli.
Dietro a quegli episodi - che ad un impreditore avevano comunque causato un danno di ottomila euro - c'era una vera e propria banda dedita a furti vari, soprattutto di carburante.

Dal primo episodio già scoperto i carabinieri sono riusciti a risalire in totale a sei persone, di età compresa tra i 29 e i 48 anni, tutti pregiudicati.

Tra l’inizio di luglio e i primi di agosto, dopo una serie di appostamenti, i militari erano riusciti ad arrestare in flagranza due persone, mentre rubavano il gasolio. I due sono stati poi condannati ad un anno di reclusione. Il gran numero di furti nella zona aveva però fatto pensare a più persone coinvolte. 

La svolta. Dal numero di targa di un furgone visto scappare su un altro 'luogo del delitto' con tre persone a bordo, e dalle testimonianze degli agricoltori derubati gli investigatori sono risaliti al proprietario pregiudicato del mezzo e ai suoi utilizzatori, incrociando le registrazioni delle telecamere di sorveglianza lungo le strade. 

Sempre più indizi si aggiungevano alle indagini: il furgone e le auto dei due arrestati erano transitati nelle ore e nei giorni dei colpi. I tubi e le taniche trovate per il travaso erano identici a quelli utilizzati dagli arrestati.

Con una serie di mandati di perquisizione in mano, i carabinieri hanno eseguito il blitz. Venti uomini hanno controllato le case e tutti i luoghi in uso ai sei indagati. E al termine delle perquisizioni, a uno di loro sono stati trovati in casa dieci grammi di hashish e un bilancino elettronico, motivo per cui veniva denunciato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

Mentre altri tre venivano denunciati per ricettazione perché trovati in possesso di parecchio materiale rubato: cavi in rame da una ditta di Bosco Marengo, tubi in gomma identici a quelli usati durante i furti, imbuti sporchi di gasolio, attrezzi da lavoro e tanto altro. A casa e in auto di un altro venivano trovato numerosi gettoni di un autolavaggio che aveva subito vari furti tra fine luglio e inizio agosto. 
11/09/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook

Sentiero 727: da Pieve di San Giovanni al Santuario di Crea
Sentiero 727: da Pieve di San Giovanni al Santuario di Crea
Lo stadio Moccagatta a due settimane dalla riapertura
Lo stadio Moccagatta a due settimane dalla riapertura
Notte dei Ricercatori: edizione da record su cibo, salute e ambiente
Notte dei Ricercatori: edizione da record su cibo, salute e ambiente
Sentiero 615: l’itinerario Valenza - Bassignana - Rivarone
Sentiero 615: l’itinerario Valenza - Bassignana - Rivarone
Alecomics: in Cittadella il festival del Fumetto, dell'Animazione e del Gioco Intelligente
Alecomics: in Cittadella il festival del Fumetto, dell'Animazione e del Gioco Intelligente
Alessandria-Livorno, il dopo partita
Alessandria-Livorno, il dopo partita
Sentiero 577: il percorso degli Alpini di Montechiaro
Sentiero 577: il percorso degli Alpini di Montechiaro
Alla Kouchnerova parla delle innovazione del progetto Lara
Alla Kouchnerova parla delle innovazione del progetto Lara
Si avvia il progetto Lara all'ospedale di Alessandria
Si avvia il progetto Lara all'ospedale di Alessandria
Chaves e la Divina Commedia
Chaves e la Divina Commedia