Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Parcheggiatori abusivi: ecco come si organizzano. "E se i supermercati li regolamentassero?"

La Comunità San Benedetto al Porto, partner della Regione per il monitoraggio sulle attività di accattonaggio, pone dubbi sul fatto che si tratti di un racket e precisa: "in quel caso i migranti ne sarebbero le vittime, da tutelare e non da incriminare". "Poco ascolto da parte dell'Amministrazione, ma siamo pronti a collaborare"
ALESSANDRIA - Non ci sarebbe nessun racket dietro al giro dei parcheggiatori abusivi in città, o perlomeno non ci sono evidenze di una vera e propria organizzazione superiore che controlli il territorio in maniera sistematica.

A sostenerlo è la Comunità San Benedetto al Porto, che dal 2017 è soggetto attuatore di un'attività di monitoraggio costante dei fenomeni di accattonaggio in città, per conto della Regione Piemonte, che le ha rinnovato l'incarico anche per il biennio 2018-2019, con l'obiettivo di individuare insieme all'associazione fondata da Don Gallo le strategie migliori per affrontare il fenomeno, con la costruzione di buone pratiche da esportare poi su altre città piemontesi (e non solo, visto l'interesse dimostrato al progetto da altre realtà, per esempio luguri, che, proprio dalla Comunità, stanno ricevendo formazione). 

"I parcheggiatori abusivi di piazzale Berlinguer tengono per loro ciò che guadagnano - racconta Fabio Scaltritti, della Comunità San Benedetto al Porto - ne conosciamo alcuni da tempo e diversi sono stati seguiti e intervistati da noi più volte. L'organizzazione è molto basica: chi primo arriva tende a occupare una delle corsie del parcheggio, e chi arriva dopo si aggiunge. Vengono tollerate fino a 3 persone per corsia, se tenta di aggiungersi ancora qualcuno viene cacciato, con le buone o con le cattive, perché sarebbe impossibile 'lavorare' così tanti in poco spazio".

Secondo il presidente della Comunità San Benedetto al Porto l'affollamento nelle corsie è anche alla base dell'aggressività che i parcheggiatori dimostrano verso gli automobilisti: "il loro obiettivo è solo quello di tirare su qualche soldo per campare. C'è chi si organizza con l'amico per dividere i proventi della questua, in modo da rendere ininfluente chi prende la moneta lungo la corsia, e chi invece opera in solitaria. In quel caso tende a 'prendere in consegna' una macchina che entra nel parcheggio non appena arriva e non la molla più, per evitare che l'eventuale moneta venga consegnata a un concorrente".

"Ci sono sicuramente quelli più educati e quelli meno, non è vero che sono tutti nigeriani, ci sono anche questuanti di altre nazionalità in città, fra le quali nordafricani e originari di Ghana, Mali, Guinea Bissau e Conakri, Costa d’Avorio, o italiane di origine Sinti". 

Chi dice che ci sia un capo a gestire tutto sbaglia, o almeno noi non abbiamo avuto alcun riscontro. Chi è stato fermato nelle scorse settimane è semplicemente la persona che fra loro, in quel momento, aveva il compito di avvertire gli altri in caso sopraggiungessero le forze dell'ordine, una pratica che avviene fra i venditori abusivi in tutto il mondo. In ogni caso - ricorda Scaltritti - se fenomeni di sfruttamento e coercizione esistessero - e nessuno può escluderlo sebbene i dati raccolti tendano a escluderlo - i parcheggiatori sarebbe le vittime di questo racket, e come tali andrebbero sostenuti e aiutati ad uscire da una spirale di violenza e soggiogamento, non certo perseguitati o condannati, o lasciati a loro stessi". 

La Comunità di San Benedetto al Porto, su mandato della Regione, sta raccogliendo molti dati sull'attività dei questuanti in città, ma non a tutti paiono interessare allo stesso modo: "abbiamo ricevuto grande attenzione dalla Prefettura e dalla Questura - racconta Scaltritti - mentre sia l'assessore Ciccaglioni che il comandante della Polizia Bassani hanno liquidato la nostra offerta di dialogo assai frettolosamente, sostenendo di non avere tempo da dedicarci, almeno finora. La nostra porta rimane aperta per una collaborazione". 

Fra le attività assegnate dalla Regione alla Comunità, vi è anche la ricerca di buone pratiche: "i migranti sono gelosi del proprio posto davanti al supermercato di riferimento o nei pressi di un'attiità commerciale in centro città - spiega Scaltritti - e questo anche per ragioni culturali, perché nel loro Paese la questua al turista è una vera e propria attività economica con regole e spazi riconosciuti dalla società. Ad Alessandria si trovano magari richiedenti asilo che si spostano da altre città, in modo da sfuggire al controllo delle comunità che li accolgono, e in maniera speculare alcuni degli ospiti di realtà cittadine tentano durante il giorno di raggiungere altre città per tirare su qualche moneta, senza 'farsi scoprire' dai propri referenti. Ma non c'è organizzazione sistematica dietro, solo la volontà di riempire il tempo e ottenere qualche moneta". 

"Conosciamo praticamente tutti i migranti che soggiornano davanti ai supermercati, e la situazione è variegata. C'è chi, come l'Esselunga, ha un sistema di vigilanza privata e non tollera questuanti, chi li accetta purché stiano fuori dalle porte scorrevoli del supermarket, e chi li apprezza per il servizio offerto ai clienti, considerando che spesso aiutano le persone anziane a portare la spesa fino alla macchina e a restituire i carrelli. Almeno 3 direttori di supermercato hanno già dichiarato la disponibilità a ragionare di una regolamentazione del fenomeno". - sottolineano dalla Comunità di San Benedetto.

"D'altronde altrove, per esempio in Francia, spesso i questuanti di fronte al supermercato trovano accordi con i direttori che forniscono loro una pettorina del supermarket e pretendono gentilezza con i clienti, in caso contrario vengono allontanati. E' diventato un vero e proprio servizio accettato dalla comunità e svolto senza aggressività o scortesia, pena l'allontamento dal supermarket. Si potrebbe pensare a una sperimentazione in tal senso anche da noi". 

E voi, sareste favoreli o contrari a un'attività di aiuto presso il supermercato regolamentata con pettorine e regole di comportamento da seguire? 

23/04/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


L'ex mercato coperto di via San Lorenzo tenta la rinascita
L'ex mercato coperto di via San Lorenzo tenta la rinascita
Il crollo del viadotto Morandi a Genova
Il crollo del viadotto Morandi a Genova
Ponte Morandi: le drammatiche immagini dopo il crollo
Ponte Morandi: le drammatiche immagini dopo il crollo
Incendio alle Capanne di Marcarolo: le operazioni dei Vigili del Fuoco
Incendio alle Capanne di Marcarolo: le operazioni dei Vigili del Fuoco
Tim Cup: Alessandria-Giana Erminio 0-1 Le foto di Gianluca Ivaldi
Tim Cup: Alessandria-Giana Erminio 0-1 Le foto di Gianluca Ivaldi
Centauri 2018: primo gruppo
Centauri 2018: primo gruppo
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Mense: presidio sotto palazzo Rosso di lavoratori e sindacati
Mense: presidio sotto palazzo Rosso di lavoratori e sindacati
Inaugurato il progetto Lara: gli amici a 4 zampe entrano in Ospedale
Inaugurato il progetto Lara: gli amici a 4 zampe entrano in Ospedale
Uno sguardo al futuro: undici artisti indagano sul nostro domani
Uno sguardo al futuro: undici artisti indagano sul nostro domani