Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Palazzo Rosso: gli uffici "servizi educativi" traslocano in via San Giovanni Bosco

Gli uffici comunali che si occupano del "sistema scuola" si spostano dal Municipio 1 di piazza della Libertà al cosiddetto Municipio 2, in via San Giovanni Bosco dove oggi ci sono già gli uffici ad esempio dei Tributi. Oneto/Mazzoni: "come mai questa scelta? avete valutato bene?". Straneo: "spazi più sicuri, più comodi per parcheggiare per gli utenti e ben collegati anche con i mezzi pubblici"
 ALESSANDRIA - Cosa ne penseranno le madri di famiglia o i nonni che insieme ai nipotini vanno a sbrigare le pratiche per la scuola o per la mensa, insomma vanno negli uffici del Comune che si occupano di “servizi educativi”, del trasloco dal pieno centro, cioè da palazzo Rosso in piazza della Libertà alla sede del cosiddetto Municipio 2, in via San Giovanni Bosco?
Saranno contenti: “di trovare locali accessibili facilmente a tutti perché sono a pian terreno; perché c'è maggiore semplicità di parcheggio e comunque è ben collegata anche dai mezzi pubblici, con l'autobus n°4 e la navetta C” sono state le motivazioni dell'assessore Silvia Straneo, alle perplessità sollevate da Vittoria Oneto e Enrico Mazzoni dai banchi della minoranza.

Sembra infatti che in una settimana o poco più il piano rialzato di Palazzo Rosso che oggi ospita la Direzione Affari Generali Politiche educative, culturali e sociali – Servizio Sistema Educativo integrato diventerà “il piano degli assessori”, con gli uffici dei membri della giunta Cuttica. Metre tutti gli uffici che si occupano del sistema “scuola” saranno delocalizzati. “Avete valutato bene? Sia per i dipendenti che per l'utenza? Non era meglio pensare alla sede di Palazzo Cuttica” come era già stato ipotizzato in passati dalla giunta Rossa, hanno chiesto gli ex esponenti della precedente amministrazione.

“E' stata fatta una valutazione a tutto campo – ha risposto l'assessore competente – La soluzione Palazzo Cuttica è stata scartata sia per spese e costi aggiuntivi che ne sarebbero derivati sia per la scomodità per l'utenza”. Sul fronte del lavoro interno, “oggi i dipendenti si trovano a lavorare tutti accatastati. I nuovi locali di via San Giovanni Bosco sono più sicuri e confacenti al servizio e inoltre essendo tutti insieme in un unico spazio c'è più possibilità di fare sinergia nel lavoro”. E per i cittadini? Si sono valutate le esigenze? “Di solito si spostano servizi che hanno meno utenza possibile, proprio per non creare disagi” commenta Mazzoni. “Ci sono meno difficoltà per chi utilizza i propri mezzi di parcheggiare e per chi utilizza mezzi pubblici ci sono diverse fermate proprio lì vicino e la zona è ben servita”. 
30/11/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Operazione Borderline
Operazione Borderline
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre