Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

"Vogliamo una Casa delle donne"

Il collettivo femminista Non Una di Meno ha presentato il percorso che intende avviare verso e oltre lo sciopero globale del prossimo 8 marzo: "costruire uno spazio pubblico creato dalle donne per le donne ad Alessandria. Iniziamo a farlo insieme il 24 febbraio con un'assemblea pubblica"
ALESSANDRIA - "Per creare spazi e tempi di vita sani e sicuri non servono la criminalizzazione, la repressione, i DASPO: è necessario recuperare quartieri abbandonati, aumentare i luoghi autonomi gestiti da donne, riprogettare e risignificare i territori urbani partendo dalle esigenze delle donne, costruire spazi liberati per tutte e tutti."
Parte da qui, dalle parole del "Piano Femminista contro la violenza sulle donne e la violenza di genere"- elaborato da migliaia di donne e uomini nel corso dell'ultimo anno e presentato con la manifestazione romana del 25 novembre scorso -, il percorso di avvicinamento del collettivo femminista alessandrino all'8 marzo prossimo. 
Non Una di Meno, infatti, ha deciso di aderire al secondo Sciopero Globale delle Donne e, in città, di camminare verso questa data traducendo il Piano Femminista in realtà, avviando un progetto chiaro e preciso. 
"Vogliamo che ad Alessandria veda la luce una Casa delle Donne, intesa come luogo in cui tutte le donne possano trovare sostegno, consulenza, solidarietà e complicità. Abbiamo scritto, ribadito, rivendicato che per contrastare la violenza di genere in tutte le sue molteplici sfaccettature è necessario, prima di tutto, agire un cambiamento culturale. 
Per questo, intendiamo costruire uno spazio che sia luogo di riflessione e iniziativa culturale, di produzione di pensiero in grado di leggere in chiave femminista tutti gli ambiti delle nostre vite".

La Casa delle Donne che Non Una di Meno immagina non ha l'ambizione di sostituirsi ai servizi già presenti sul territorio, ma piuttosto di orientare le donne che hanno bisogno di usufruirne; di trovare sostegno e collaborazione nelle realtà affini per la costruzione di progettualità che partano dalle esigenze delle donne e abbiano la capacità di diventare centro propulsore delle loro azioni.

"La Casa delle Donne che immaginiamo è aperta, accogliente e pubblica. - continuano dal collettivo - Crediamo fermamente che le Istituzioni cittadine abbiano il dovere di recepire la richiesta di destinare uno dei beni pubblici della città, oggi vuoto o abbandonato, alla realizzazione di questo progetto che ha un'utilità culturale e sociale riconosciuta anche dalle migliaia di donne che abbiamo incontrato in un anno dall'inizio del nostro percorso ad Alessandria".

La partecipazione agli eventi, alle manifestazioni e alle iniziative lanciate a partire dallo scorso 8 marzo, è per il movimento un chiaro segnale di quanto anche le donne del nostro territorio sentano l'esigenza di partecipare a momenti di produzione culturale caratterizzati dal protagonismo femminile. 

"Consapevoli che solo quella dimensione collettiva, di relazione e confronto tra donne, possa davvero determinare il cambiamento, invitiamo tutte le donne, le soggettività lgbtqi, le associazioni femminili a partecipare a questo percorso, a farsi portatrici delle nostre istanze e a condividerne di nuove".

L'idea è, quindi, quella di cominciare a costruire una Casa delle Donne per Alessandria con un'assemblea pubblica attraverso la quale conoscere le esperienze nate in Italia sull'onda del movimento di emancipazione femminista degli anni '70 ed iniziare a raccogliere idee e proposte. L'appuntamento per tutte e per tutti è sabato 24 febbraio alle 17.00 all'ex Taglieria del pelo di corso XX Settembre.

"Il prossimo 8 marzo saremo di nuovo nelle piazze e nelle strade di tutta Italia, non solo per sottrarci al lavoro e alle forme di sfruttamento, per denunciare le molestie e la strumentalizzazione dei nostri corpi, ma anche per trascorre una giornata in cui noi stiamo dove e come vogliamo stare.
Ad Alessandria ci riprenderemo lo spazio pubblico, busseremo alla porta di Palazzo Rosso per chiedere che quello spazio ci sia riconosciuto e concesso. Saremo con le donne e con gli uomini che vogliono costruire una società diversa".
10/02/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Operazione Borderline
Operazione Borderline