Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Museo di Marengo: “vuoto, ma bellissimo”

E' la testimonianza di una alessandrina, Paola, che in una domenica grigia e uggiosa tipica del nostro territorio ha deciso di “tentare” la visita al Marengo Museum di Spinetta. “Eravamo in 4, c'eravamo solo noi. Temevo in una breve visita....per poi scappare e invece sono rimasta due ore e mezza. E' bellissimo e andrebbe promosso di più”
 ALESSANDRIA - Potremmo fare un sondaggio: quanti alessandrini, che girano per l'Italia e per il mondo in cerca di cultura, hanno visitato il Marengo Museum di Spinetta? Perchè come si usa dire, “l'erba del vicino è sempre più verde” e così ci si sposta, anche nei d'intorni, e non si sa però quello che si ha in casa, che la propria città offre.

Questa è la storia raccontata da una alessandrina, Paola, che in una domenica grigia e uggiosa di gennaio, con il clima che contraddistingue il nostro territorio, ha deciso di non restare chiusa in casa, ma di andare a fare un giro. E dove? Al Museo di Marengo, dove non era mai entrata. “Ho letto su Facebook un post, di Vittoria Oneto (ex assessore di Palazzo Rosso, ndr), che segnalava come il quotidiano 'La Repubblica' avesse fatto un articolo sul Marengo Museum, in particolare raccontando la mostra 'Napoleone e Canova. il Pantheon dell'imperatore a Marengo'.E scriveva in calce, 'oggi il Museo di Marengo è aperto, andateci e vi piacerà moltissimo”.

Ma si, si è detta Paola. Meglio che stare a casa. Ha coinvolto il marito e una coppia di amici dicendo “proviamo ad andare a Marengo, al massimo se non c'è nulla, riprendiamo la macchina e andiamo a vedere in biblioteca la mostra di Chagall”. L'epilogo per Paola è stato “Museo vuoto, ma bellissimo!”. Quando infatti sono arrivati, i visitatori si contavano sulle dita di una mano: “c'eravamo solo noi quattro”. Tant'è che hanno chiesto agli addetti del Museo se potevano entrare. “Beh, 5 euro, il costo del biglietto che valgono davvero la pena. Pensavo di stare lì mezz'ora al massimo....e invece ci siamo rimasti più di due ore, dalle 16 alle 18.15, incalzati a quel punto dal personale che ci è venuto a ricordare la chiusura alle 18.30!”. “Essendo gli unici – prosegue Paola - ci siamo messi a girare, tra schermi, immagini, opere e sale bellissime....commentando e cercando di rispolverare nella memoria un po' di storia...Siamo rimasti così tanto, che sono persino venuti a controllare che non ci fossimo sentiti male, e che fosse tutto a posto”.

Niente Chagall, quindi, perché il pomeriggio è volato. “Abbiamo chiesto come mai non ci fosse nessuno a parte noi, se in altri giorni il Museo di Marengo fosse un po' più frequentato”. E la risposta è stata: “durante la settimana, su prenotazione, vengono le scolaresche”. “Peccato, davvero. E' un Museo che meriterebbe maggiore promozione”. Paola è tornata a casa stupita e soddisfatta. E consiglia a tutti: “se non lo avete ancora fatto, andate a vederlo!”.
20/01/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano