Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Piemonte

M5S: “no ai rifiuti della Liguria a Castelceriolo”

Giorgio Bertola, capogruppo al Consiglio regionale, presenta un'interrogazione: “il Piemonte riceverà fino a 300 mila tonnellate all'anno di rifiuti dalla Liguria”
PIEMONTE - Giorgio Bertola, capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle Piemonte, ha presentato una interrogazione al presidente del Consiglio Regionale del Piemonte per chiedere conto della delibera della Regione Liguria che prevede la possibilità di conferire rifiuti prodotti da Comuni liguri verso impianti situati in Piemonte, tra i quali Castelceriolo. “La Giunta regionale, in risposta ad una mia interrogazione, ha confermato una notizia che ci preoccupa molto: il Piemonte riceverà fino a 300 mila tonnellate all'anno di rifiuti dalla Liguria – dice Bertola - Nei giorni scorsi siamo infatti venuti a conoscenza di una delibera della Giunta regionale ligure che, sulla base di una intesa sottoscritta con la nostra Regione nel 2003, prevede la possibilità di conferire, in caso di necessità, rifiuti prodotti nei Comuni della Liguria presso impianti piemontesi”. Gli impianti individuati dalla Regione Liguria sono quelli di Castelceriolo, Ceva e Saluzzo (Cn) e l'impianto di incenerimento del Gerbido (To).

“Dalla Provincia di Alessandria non è giunta ancora nessuna risposta, mentre da Torino e Cuneo è arrivato un assenso. In particolare, mentre la Provincia di Cuneo deve definire le quantità, destano preoccupazione le 35.000 tonnellate destinate all'inceneritore del Gerbido; non si tratta infatti di un impatto irrilevante per un impianto che è autorizzato a bruciare 421.000 tonnellate all'anno ma che finora ne ha gestite molte meno a causa dei suoi continui malfunzionamenti – continua Giorgio Bertola - La nostra Regione non ha quindi la necessità di alcun nuovo inceneritore, se si può permettere di accettare rifiuti dalla Liguria; serve piuttosto un nuovo piano rifiuti che vada verso l'obiettivo Rifiuti Zero con il passaggio al trattamento a freddo del residuo indifferenziato. La richiesta presentata dalla Liguria è soggetta ad autorizzazione: presenterò nell'immediato un atto di indirizzo per chiedere alla Giunta regionale di non concedere il nulla osta all'arrivo di rifiuti dalle altre Regioni”.

Questo il testo completo dell'interrogazione
Interrogazioneai sensi dell’articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell’articolo 99 del Regolamento interno.
Ordinaria a risposta orale in Aula
Ordinaria a risposta orale in Commissione
Ordinaria a risposta scritta
Indifferibile e urgente in Aula
Indifferibile e urgente in Commissione

Oggetto:
Premesso che:
- Ai sensi dell’art. 182 del D. Lgs. 152/2006 “è vietato smaltire i rifiuti urbani non pericolosi in Regioni diverse da quelle dove gli stessi sono prodotti, fatti salvi eventuali accordi regionali o internazionali, qualora gli aspetti territoriali e l’opportunità tecnico-economica di raggiungere livelli ottimali di utenza servita lo richiedano”;
- L’articolo 196 del citato decreto legislativo attribuisce alle Regioni la competenza in merito alla pianificazione ed alla regolamentazione delle attività di gestione dei rifiuti;
- Il 23 aprile 2003 è stata sottoscritta una intesa tra la Regione Piemonte e la Regione Liguria, per l’attivazione e la prosecuzione di forme di collaborazione nel settore della gestione dei rifiuti, prevedendo, fra l’altro, attività di mutuo soccorso fra le Regioni firmatarie, in occasione di emergenze inerenti le attività di recupero o smaltimenti dei rifiuti urbani, nel rispetto e nei limiti delle normative statali e regionali vigenti;
- Una delibera della Giunta regionale ligure del 21 luglio 2014 prevede, “In attuazione dell’Intesa fra Regione Liguria e Regione Piemonte approvata con D.g.r n.298 del 18.3. 2003, e sottoscritta in data 23.4.2003, che possano essere attivate, a fronte di situazioni di deficit rispetto al fabbisogno gestionale interno derivanti dalle necessità di adeguamento degli impianti liguri ovvero da esigenze di attività
manutentive sugli stessi, previi specifici accordi fra le Province liguri e le Province piemontesi interessate, con definizione di limiti quantitativi e temporali, operazioni di conferimento di rifiuti prodotti da Comuni della Liguria verso i seguenti impianti situati in Piemonte, nei limiti delle potenzialità che verranno messe a disposizione;
- Impianto di incenerimento del Gerbido - Torino gestito da Trm;
- Impianto di trattamento Castelceriolo, in provincia di Alessandria, gestito da Aral spa;
- Impianti di trattamento di Saluzzo gestito da Consorzio Servizi Ecologia ed Ambiente e di Ceva gestito dall’Azienda Consortile Ecologica Monregalese;
Considerato che:
- A quanto si apprende dalla citata delibera della Giunta regionale ligure, la Provincia di Cuneo, con nota prot n. 65618 del 30.6.2014 ha comunicato che la Giunta provinciale ha espresso parere favorevole all’accoglimento presso le piattaforme di trattamento cuneesi di rifiuti provenienti dalla provincia di Genova, invitando i gestori degli impianti ad inoltrare richiesta di nulla osta indicando i quantitativi di rifiuti ritirabili e le modalità di gestione degli stessi, corredata da parere favorevole dell’Associazione d’ambito Cuneese Ambientale;
- Dalla medesima delibera si apprende che le Province di Torino ed Alessandria sono state contattate anche “per le vie brevi”, al fine di verificarne la disponibilità potenziale;

Interroga la Giunta regionale per sapere,
- Se sia a conoscenza del citato provvedimento della Regione Liguria;
- Se sia stata informata dalle Province contattate, ed in tal caso, se sia a conoscenza del responso delle Province di Alessandria e Torino;
- Quali sono le sue valutazioni in merito
Primo Firmatario
Giorgio Bertola
Altre firme
30/07/2014

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali