Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Lo Spazio

Lamin: "Ora voglio fare la mia parte"

Prosegue il nostro percorso di conoscenza con i ragazzi che, attraverso il mare dopo tante difficoltà, sono giunti in città alla ricerca di asilo e un futuro lontano dalla guerra e dalle persecuzioni
LO SPAZIO - Insieme all'associazione Cambalache, che in città si occupa di organizzare l'ospitalità dei richiedenti asilo giunti dalla Libia, conosciamo chi sono i ragazzi fuggiti dai loro paesi e arrivati ormai da qualche tempo in città.

Oggi è la volta di Lamin, ecco il suo racconto.

Ciao, mi chiamo Lamin, ho 26 anni e sono nato a Banjul, in Gambia.
Sono timido, osservo con attenzione ciò che mi circonda e per comunicare con gli altri a volte non uso le parole, mi basta uno sguardo.
In Gambia vivevo a Serekunda con la mia famiglia molto numerosa: io sono il secondo di 9 fratelli.
Ho frequentato la scuola fino a quando, da ragazzino, mi hanno mandato alla scuola coranica. Terminati gli studi ho cominciato a fare un lavoro che mi piace: l’elettricista.
Ho trovato impiego in una compagnia governativa. Ero contento, sembrava essere un buon posto e avrei potuto aiutare economicamente la mia famiglia.
Poi però sono arrivati i problemi. Sul posto di lavoro ho cercato di far valere i miei diritti di lavoratore.
La compagnia per cui lavoravo era sotto il governo, e in Gambia “the government is always right”, il governo ha sempre ragione. Il presidente ha tutto il potere e nessuno ha diritti.
La polizia ha cominciato a cercarmi. Non c’era possibilità di avere giustizia, e dovetti scappare. Ho attraversato velocemente vari paesi fino ad arrivare in Libia, dove però è impossibile vivere. E’ pericoloso, ci sono combattimenti, furti, aggressioni.
In Libia mi sono ammalato alla gola. Riuscivo solo a bere latte e mangiare un po’ di couscous. Mi sono imbarcato per la Sicilia e le mie condizioni si sono aggravate, ho fatto il viaggio senza bere e mangiare nulla. Arrivato in Italia, ad Alessandria, sono stato operato e ho passato tre settimane all’ospedale.
Ora passo gran parte della giornata all’Ostello, a fare da mediatore nelle operazioni di prima accoglienza dei nuovi rifugiati che arrivano. Mi occupo di tradurre: i nuovi arrivati sono uguali a me quando sono arrivato qui: sono spaesati, impauriti e non capiscono l’italiano. Distribuisco i pasti e parlo con loro in wolof, mandinka e inglese.
Mi piace. Ho deciso di impegnarmi in questo perché qui le persone mi hanno aiutato, dunque ora voglio fare la mia parte.

Per saperne di più

http://it.peacereporter.net/mappamondo/paese/21

http://www.amnesty.org/en/region/gambia
30/08/2014

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano