Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Lega Pro - girone A

L'Alessandria spreca un altro match point. Il Siena la chiude nel primo tempo

Continua l'incubo trasferta la squadra di Braglia, che lascia in panchina Bocalon ed Evacuo presentando un inedito 4-2-3-1. La Robur va in gol dopo soli 4' con Saric, raddoppio di Marotta al 34' con un eurogol dal lmite dell'area. Unica nota positiva di giornata: perde anche la Cremonese e resta a -4
SIENA - Braglia sorprende un po' tutti lasciando in panchina sia Bocalon che Evacuo e mandando in campo Fischnaller e Marras sui lati con Iocolano a variare sulla trequarti in appoggio a Gonzalez. In difesa Sosa sulla destra al posto di Celjak, in mezzo Branca torna ad occupare la mediana al fianco di Cazzola. 

Nemmeno il tempo di prendere le rispettive misure e al 4' la Robur va in vantaggio: traversone per Castiglia sulla destra, palla rasoterra del numero 7 a centro area, Sosa prova ad allontanare lisciando malamente, nessuno interviene e la sfera arriva a Saric che di destro infila Vannucchi sul secondo palo. Doccia fredda per l'undici di mister Braglia. Un minuto dopo il gol, Marotta penetra nei 16 metri dalla sinistra, fermato da Piccolo in extremis. L'Alessandria capisce che non può stare a guardare ed inizia a premere sull'acceleratore affacciandosi per i successivi dieci minuti nella trequarti toscana, senza però creare occasioni concrete. Al 20' errore di Gozzi che perde palla innescando Vassallo sulla trequarti, contropiede dell'esterno bianconero che, libero a tu per tu con Vannucchi, manda clamorosamente sul fondo. La Robur inizia a prendere campo e al 26' Castiglia serve un filtrante per Ciurria al limite dell'area, Gozzi ci mette una pezza in chiusura. Al 28' il gioco si interrompe per circa 2' a causa di problemi muscolari accusati da uno dei due assistenti di linea. Al 34' il raddoppio dei padroni di casa: Saric imbecca Marotta sul filo del fuorigioco, il numero 10 senese dal vertice sinistro dell'area fa partire un pallonetto a giro che s'infila all'incrocio dei pali dove Vannucchi, leggermente avanzato, non può arrivare. Braglia si lascia andare a qualche protesta di troppo e l'arbitro Massimi gli indica la via degli spogliatoi. Dopo il raddoppio l'unica azione degna di nota per parte piemontese è la conclusione di Gonzalez dalla bandierina diretta all'incrocio che però Moschin respinge senza troppi patemi. Al 2' di recupero palla in mezzo di Iocolano, pericolosa svirgolata di Panariello che manda la sfera sopra la traversa. Un minuto dopo contropiede di Marotta, grande chiusura in tackle di Barlocco. Dopo 3' di recupero le squadre vanno negli spogliatoi.
Brutto primo tempo dei grigi, mai davvero pericolosi e spesso in balìa delle incursioni avversarie. Difesa in grande difficoltà, su tutti Gozzi al centro e Sosa sulla destra, in avanti Iocolano (prima al centro dietro Gonzalez, poi scambiatosi di ruolo con Fischnaller) quasi impalpabile, Gonzalez si vede a singhiozzi. Marras e Fischnaller insufficienti, specie il primo, mai in partita.

Ad inizio ripresa Isetto tiene Gozzi e Marras (senza dubbio i peggiori) in panchina, al loro posto Celjak ed Evacuo, con Sosa che si sposta in mezzo al fianco di Piccolo. Al 49' Sosa prova a riscattare un brutto primo tempo con un colpo di testa su corner di Gonzalez, tentativo debole e centrale tra le braccia di Moschin. Gli ospiti cercano la via del gol, per la verità senza troppo mordente. Al 53' cross di Celjak dalla destra, Fischnaller di testa manda alto. Cinque minuti più tardi telefonata di Gonzalez per Moschin dal limite dell'area, sinistro a giro totalmente innocuo che il numero uno toscano blocca senza problemi. Sessanta secondi più tardi palla gol per i grigi: errore in disimpegno della difesa senese, palla a Fischnaller che serve Evacuo smarcato a centro area, pessimo il controllo dell'ex Novara, blocca Moschin. Nel giro di 2', due ghiotte occasioni sprecate dai mandrogni: al 64' è Gonzalez a concludere centrale con un'inzuccata su cross di Celjak, al 66' Barlocco serve Evacuo nei 16 metri, spizzata per l'accorrente Gonzalez che non riesce a coordinarsi arrivando sulla palla con un improbabile colpo di tacco al volo parato da Moschin. L'Alessandria inizia a crederci un po' di più e gli affondi nella trequarti avversaria diventano più intensi. Al 78' doppia chance per Cazzola nel giro di pochi secondi, ma la prima conclusione è murata dalla retroguardia bianconera, la seconda termina alta sulla traversa. Poco dopo, sugli sviluppi di un angolo battuto da Gonzalez, palla a lato di un soffio di Branca dal limite dell'area. All'84' il neo entrato Rosso (che ha preso il posto di Fischnaller) libera un destro a giro che mette i brividi a Moschin sfiorando il secondo palo. Negli ultimi minuti l'Alessandria, perse le speranze, perde anche la testa e nel giro di tre minuti rischia prima di prendere il terzo gol su contropiede di Bunino che spreca davanti a Vannucchi, poi al 93' rimane in dieci per l'espulsione di Sosa per fallo da ultimo uomo su azione di contropiede di Ciurria. Dopo 4' di recupero l'arbitro dice che può bastare così.

Davvaro una grossa occasione sprecata per la capolista, che non fa tesoro del passo falso della Cremonese a Pistoia (3-1) rimanendo a +4 dai grigiorossi. A Siena è arrivata la quinta sconfitta nelle ultime sei trasferte, con un'altra prestazione ben al di sotto delle potenzialità di una rosa che sembra aver smarrito la lucidità e il cinismo apprezzati fino a prima della sosta invernale. Considerando i sistematici e contemporanei fallimenti delle inseguitrici, il gap lascia ancora un certo margine di sicurezza e ottimismo, quantomeno dal punto di vista della matematica. Al contrario, c'è poco da stare tranquilli se si prendono in esame le prestazioni a dir poco altalenanti degli ultimi due mesi. Questa volta lasciano molti dubbi le scelte operate da mister Braglia che, se anche non avesse avuto Bocalon al meglio, avrebbe potuto puntare di più su Evacuo (comunque non sufficiente nella ripresa) dal 1', dando quel peso in avanti del quale nei primi 45' si è sentita una gran mancanza.


ROBUR SIENA - ALESSANDRIA 2-0
Reti: 4' Saric, 34' Marotta

Siena:
Moschin; Rondanini, D'Ambrosio, Panariello, Iapichino; Castiglia, Guerri, Saric; Ciurria, Marotta, Vassallo (25'st Grillo). A disp.: Di Stasio, Ivanov, Romagnoli, Ghinassi, Steffè, Bunino, Stankevicius, Grillo, Jawo, Terigi, Secondo. All.: Scazzola
Alessandria: Vannucchi; Sosa, Gozzi (1'st Celjak),Piccolo, Barlocco; Marras (1'st Evacuo), Cazzola, Branca; Iocolano, Gonzalez, Fischnaller (27'st Rosso), A disp.: La Gorga, Manfrin, Mezavilla, Nicco, Bocalon, Nava. Al.: Braglia

Arbitro: Massimi di Termoli

Ammoniti: Fischnaller e Bunino
 
Espulsi Braglia al 34' per proteste e Sosa al 93' per fallo da ultimo uomo
18/03/2017
Alessandro Francini - sport@alessandrianews.it

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Alessandria-Pisa 0-2. Il dopo partita
Alessandria-Pisa 0-2. Il dopo partita
Arti tra le mani
Arti tra le mani
Alessandria-Prato, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Prato, le foto di Gianluca Ivaldi
Arzachena-Alessandria 0-0. Il dopo partita
Arzachena-Alessandria 0-0. Il dopo partita
Con il Festival Adelio Ferrero quattro giorni di cinema e critica
Con il Festival Adelio Ferrero quattro giorni di cinema e critica
Alessandria-Prato 1-0. Il dopo partita
Alessandria-Prato 1-0. Il dopo partita
Monza-Alessandria 1-1. Il dopo partita
Monza-Alessandria 1-1. Il dopo partita
Alecomics 2017: le splendide foto di Vittorio Destro
Alecomics 2017: le splendide foto di Vittorio Destro
La Polizia vista da vicino, porte aperte per la festa del patrono
La Polizia vista da vicino, porte aperte per la festa del patrono
Sentiero 748: il percorso ad anello sulle cime di Mombello
Sentiero 748: il percorso ad anello sulle cime di Mombello