Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Internet degli oggetti, esperti italiani e stranieri si confrontano sulla nuova tecnologia

Il convegno è organizzato con l’intento di aumentare la sinergia tra domanda e offerta nell’area della formazione “Informatica” specifica, facendo incontrare le aziende che operano nel settore con gli studenti che stanno intraprendendo un curriculum di studi orientato a queste tecnologie. Appuntamento lunedì 14 gennaio al Disit
ALESSANDRIA - Lunedì 14 gennaio alle 9, il Disit (Dipartimento di Scienze e Innovazioni Tecnologica dell'Università del Piemonte Orientale) ospiterà il convegno L’Internet degli oggetti, ovvero l’IoT: un affare da 1300 miliardi di dollari, organizzato dall’Istituto di Informatica del Dipartimento e dal Rotary Club di Alessandria. Nato negli anni ‘90 come una soluzione tecnica per interconnettere dispositivi sparsi su una vasta area geografica, l‘IoT è diventato rapidamente una tecnologia pervasiva e sta giocando un ruolo chiave in aree che spaziano dall’Industria 4.0, al settore dei trasporti, all’assistenza medica, alla casa intelligente, alla gestione dei servizi urbani, alla gestione dell’energia, all’agricoltura e al monitoraggio dell’ambiente, integrandosi con discipline come l’Intelligenza Artificiale, l’Apprendimento automatico e i Controlli automatici.

Il convegno, che si terrà nell’aula 102, è organizzato con l’intento di aumentare la sinergia tra domanda e offerta nell’area della formazione Informatica specifica per l’IoT, facendo incontrare le aziende che operano nel settore con gli studenti che stanno intraprendendo un curriculum di studi orientato a queste tecnologie.

Durante la prima parte della mattinata, presenteranno le loro proposte le aziende Michelin Ale, Guala Dispensing, Rse SpA, Allix e MyFamily; successivamente si darà spazio agli studenti dei Corsi di Laurea triennale e magistrale in Informatica del Disit. Sarà dato spazio in particolare ad alcuni progetti, presentati dagli studenti, che hanno partecipato alla Cini Smart Cities University Challenge, grazie al supporto del Rotary Club di Alessandria, di Er Web Srl di Vercelli e del Disit. Alla fine della mattinata gli studenti potranno mostrare i prototipi sviluppati e incontrare le aziende.

La Cini Smart City University Challenge è una competizione universitaria; nel 2018 è stata organizzata dall’Università degli Studi di Milano Bicocca e dal Laboratorio su Smart Cities and Communities del Cini (Consorzio Interuniversitario Nazionale per l'Informatica) e co-locata con la conferenza I-Cities 2018. Vi hanno partecipato molte università italiane: L’Aquila, Messina, Milano Bicocca, Pavia, Piemonte Orientale, Pisa, Roma Tor Vergata, Sannio.

L’Università del Piemonte Orientale ha partecipato alla fase finale con un team di Alessandria e uno di Vercelli; durante la fase finale i gruppi sono stati invitati a integrare i servizi sviluppati al fine di creare un intero sistema di gestione della smart city; il team di Alessandria si è classificato secondo a livello nazionale. I lavori dei team finalisti sono anche stati esposti ad I-CityLab 2018 a Firenze nel mese di ottobre 2018.

10/01/2019

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali