Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Fondi Por Fesr: ufficiale il trasferimento di risorse dalla Cittadella verso l'ex Ospedale Militare

Con una videoconferenza l’Amministrazione Comunale di Alessandria ha concordato definitivamente con gli altri partner sottoscrittori gli ambiti di intervento per l’utilizzo dei Fondi europei. Cuttica: "entro il mese di maggio entreremo nella fase operativa con la complessiva ripartizione dei fondi fra i diversi interventi"
ALESSANDRIA - Una videoconferenza è stato il mezzo tecnologico scelto per declinare operativamente l’incontro di martedì mattina nella Sala Giunta del Palazzo Comunale: un incontro particolarmente importante che ha consentito all’Amministrazione Comunale di Alessandria di concordare definitivamente con gli altri partner sottoscrittori gli ambiti di intervento per l’utilizzo dei Fondi europei POR FESR per Alessandria, a compimento di un percorso amministrativo lungo e articolato.

Il tema specifico ha riguardato l’approvazione definitiva degli interventi previsti su alcuni immobili del compendio monumentale della Cittadella su cui impegnare i fondi POR-FESR nonché la definizione delle modalità di affidamento delle risorse nella disponibilità del Comune.

Presenti alla videoconferenza — come Sottoscrittori — erano il Sindaco della Città di Alessandria, Gianfranco Cuttica di Revigliasco, la rappresentante del MIBACT-Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, dr.ssa Dora Di Francesco e, per la Regione Piemonte, l’Assessore Regionale dr.ssa Giuseppina Desantis.

Oltre a questi, hanno preso parte all’incontro, per il Comune di Alessandria, il Segretario Generale comunale dr.ssa Francesca Ganci, l’arch. Paolo Bussetti, la dr.ssa Arianna Gandini e il dr. Jody Abate; per il Segretariato Regionale MIBACT per il Piemonte l’ing. Gennaro Miccio; per la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Alessandria, Asti e Cuneo la dr.ssa Egle Micheletto, e, per la Regione Piemonte, la dr.ssa Lucia Barberis.

Il Ministero si è impegnato a dare immediatamente seguito alle procedure necessarie per chiudere positivamente questa delicata fase del percorso di recupero della Cittadella.

Al contempo, l’Amministrazione Comunale - così come stabilito di concerto con la Regione Piemonte - procederà in tempi rapidi all’approvazione della strategia complessiva per l’utilizzo dei fondi a disposizione: una strategia incentrata non solo sull’avvio delle azioni finalizzate al progressivo recupero della Cittadella Militare, ma anche sulle azioni a favore del recupero del complesso dell’ex-Ospedale Militare e della Chiesa di San Francesco.

Si prevede che entro il mese di maggio sarà possibile entrare nella fase operativa dell’intero progetto oggi suggellato dal Tavolo dei Sottoscrittori.
25/04/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Bando Idealitu: aspettiamo le vostre idee!
Bando Idealitu: aspettiamo le vostre idee!
Commemorata la rivolta nel carcere di Alessandria
Commemorata la rivolta nel carcere di Alessandria
'GiocALMocca', per la festa finale coinvolti oltre 300 bambini delle scuole alessandrine
'GiocALMocca', per la festa finale coinvolti oltre 300 bambini delle scuole alessandrine
stralessandria2018 le immagini degli stands in piazza
stralessandria2018 le immagini degli stands in piazza
stralessandria2018 le immagini della corsa primo gruppo
stralessandria2018 le immagini della corsa primo gruppo
Stralessandria2018 le immagini della corsa secondo gruppo
Stralessandria2018 le immagini della corsa secondo gruppo
Stralessandria2018 le immagini della corsa terzo gruppo
Stralessandria2018 le immagini della corsa terzo gruppo
Stralessandria2018 le immagini della corsa quarto gruppo
Stralessandria2018 le immagini della corsa quarto gruppo
Uffici comunali di via San Giovanni Bosco: criticità di igiene e sicurezza, ma anche strutturali
Uffici comunali di via San Giovanni Bosco: criticità di igiene e sicurezza, ma anche strutturali
Casa delle Donne: il Comune dice 3106 volte no
Casa delle Donne: il Comune dice 3106 volte no