Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Demolizione ex Piccadilly: ruspe al lavoro

Posizionata la recinzione, le ruspe della ditta che ha vinto l'appalto per l'abbattimento di uno degli eco-mostri dei giardini di fronte alla stazione ferroviaria, l'ex Piccadilly, si sono messe al lavoro
 ALESSANDRIA - Nemmeno qualche fiocco di neve, nel pomeriggio di martedì 10 gennaio, ha fermato le ruspe e i mezzi della ditta Testa Carlo Escavazioni che si è aggiudicata il lavoro di abbattimento di uno degli eco-mostri dei giardini di fronte alla stazione ferroviaria, l'ex Piccadilly.

Prima la recinzione a protezione dell'area e lo smantellamento dell'edificio al suo interno. Oggi le ruspe hanno iniziato a buttare giù i muri e le prime foto su Facebook sono di Paola Testa, Disability Manager del Comune di Alessandria.

Adesso le possibilità per quel pezzo di sedime sono due: potrebbe restare uno spazio verde, oppure potrebbe essere ceduto nuovamente il diritto di superficie post-demolizione con il dovere di crearvi un nuovo edificio che anche in questo caso può avere diverse destinazioni d'uso, con attività di carattere commerciale come vendita giornali/riviste/ generi vari, prodotti del territorio, generi alimentari/dietetici, pane/torte/dolciumi/caffetteria, ristorazione/bar. Prezzo base di 21 mila euro cui si deve aggiungere il canone per tutto il periodo trentennale di 21 mila 165 euro. Un valore decisamente inferiore vista la demolizione dell'attuale struttura, rispetto a prima. Il consigliere Paolo Berta aveva lanciato l'idea di farlo diventare uno spazio con un palco fisso, per musica dal vivo, ma da utilizzare anche per le cerimonie, per gli incontri pubblici. I 5 stelle pensavano ad un “distaccamento” della Polizia Municipale, così da avere sul posto una maggiore sicurezza.

Restano l'ex Cangiassi e l'ex Zerbino.
Il primo sarà rimesso “sul mercato” con un ribasso del 20% (al prezzo di 19 mila 450 euro più un canone aggiuntivo di 10 mila 400 euro). Cosa potrà diventare? Attività commerciale con generi quali “gelateria/pasticceria con bar/sala da tè di servizio, bar/ristorazione, e/o vendita di articoli sportivi e per il tempo libero, di prodotti del territorio o a tutte assimilabili”.

E L'ex Zerbino? Su questa struttura si stanno facendo degli studi, che dovranno però entro il nuovo anno portare ad una decisione su cosa farlo diventare. Dopo qualche lavoretto di sistemazione, potrebbe diventare una “velo-stazione”, ovvero uno spazio di parcheggio delle biciclette, al posto dell'attuale nel parcheggio della stazione. E con esso anche altre attività collaterali, come un “info-point” turistico, con informazioni su orari dei bus, sui musei, come proposto dal pentastellato Andrea Cammaleri.

10/01/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione