Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
MemoriALE

Chi non vorrebbe una "forchetta perfezionata"?

Dall'Avvisatore alessandrino di metà '800 ecco alcune invenzioni a dir poco bizzarre. Saranno stato realizzate davvero?
MEMORIALE - L’ingegno umano non conosce confini, né mai ne ha conosciuti.

Ogni tanto sulla stampa odierna compaiono foto di invenzioni fantasiose più o meno utilizzabili.

Anche nel 1869 succedeva la stessa cosa.

Ecco comparire sull’Avvisatore Alessandrino una serie di invenzioni depositate, ma chissà se poi saranno passate anche alla produzione e infine arrivate alla vita di tutti i giorni.
Ho seri dubbi.
























































20/03/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione