Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Burocrazia e noiosi contro il 'nuovo Mephisto'. Così la movida è una chimera

Impresa ardua trovare un locale adatto per far musica dal vivo ad Alessandria. Sia la burocrazia sia i 'vicini' ci mettono lo zampino. Ma non la volevamo questa benedetta vita notturna per portare gente in città? "Far musica live è da coraggiosi, ma ti fanno scappare la voglia..."
 ALESSANDRIA - Lo storico Mephisto ha (ri)chiuso i battenti ai fans del metal e dell'hard rock e già si (ri)palra di una sua nuova apertura. Non più a Lu, luogo natio di uno dei locali di musica live più importanti di tutta la provincia di Alessandria, e non con lo stesso nome. 

Dare ad Alessandria un locale di musica dal vivo è quasi un dovere culturale”, scherza Simone Lumina, l'ultimo gestore del Mephisto “che sta già selezionando alcune location in città.

E qui iniziano i grattacapi. Perché dove finisce la lunga, intricata burocrazia inizia la diffidenza dei 'vicini' di avere un locale notturno in cui si suona e si fa – nei limiti – casino.

“Nell'immaginario collettivo  chi vive il mondo della notte e in particolare gli amanti del metal sono brutti e cattivi, ma invece posso testimoniare che sono un pubblico meraviglioso. Solo che se incominciano gli esposti di chi si sente minacciato o soffre d'insonnia non vivi più..”. e allora appena vengono a sapere che in quel capannone ci vuoi fare un locale del genere, ecco che incominciano a storcere il naso.

Alessandria non è un paese per giovani, con buona pace di chi sogna la 'movida' di locali in centro o vicino al Tanaro, come una mini Torino. Poi però nessuno li tollera questi locali e al primo schiamazzo si chiamano i vigili. 

Cercasi quindi una struttura lontana dai centri abitati, con ampio posteggio. “Ma se si superano i 200 mq scattano altre normative che fanno scappare la voglia... far musica dal vivo è a coraggiosi, non si vive di quello. Se si aggiungono tanti paletti e investimenti è un bagno di sangue”.

Nonostante la burocrazia la voglia a Lumina non è ancora scappata, anzi: “Vogliamo continuare a proporre musica e a coltivare questa passione, ma senza farci troppo male”, chiosa. 'Missione', ma fino ad un certo punto.
8/02/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Operazione Borderline
Operazione Borderline