Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia e Lavoro

Blockbuster: “un grosso punto interrogativo”

780 dipendenti in Italia e una ventina in provincia in attesa di sapere che ne sarà del loro lavoro. Non ricevono gli stipendi né informazioni in merito alla chiusura dei punti vendita. Una situazione allarmante a livello nazionale, noi abbiamo parlato con le “colonne portanti” dello store di Alessandria
L’unica certezza che hanno i dipendenti di Blockbuster è che il punto vendita alessandrino della catena sarà chiuso entro il 31 marzo, per il resto sono solo incognite. Non è stato, infatti, comunicato loro niente di preciso in merito ai termini di chiusura dei contratti e di cessazione dell’attività.

Sanno che il punto vendita - come altri 80 su 118 in tutta Italia - sarà acquisito da Essere e Benessere spa (servizi farmaceutici e parafarmaceutici), che l’azienda è in liquidazione, che i dipendenti che non perderanno il lavoro saranno 1 su 7 - un centinaio su tutto il territorio nazionale.
 
Restano ignoti - ai dipendenti di Alessandria così come a quelli del punto vendita casalese - le tempistiche con cui verrà cessata l’attività, le date di chiusura del negozio, i termini con cui verrà aperto il nuovo punto vendita, i criteri di selezione del dipendente che potrà continuare a lavorare e la tipologia di contratto che verrà stipulato con la società.

Ai dipendenti spetterà sicuramente un periodo di cassa integrazione e mobilità ma loro chiedono soprattutto chiarezza in merito al loro destino.

“Qui siamo in 6 - ci spiega Silvia Marcolin, responsabile del punto vendita alessandrino -, non stiamo recependo lo stipendio (abbiamo ricevuto solo un acconto su quello di dicembre), non sappiamo cosa ci attende. Da quando siamo in liquidazione (giugno), abbiamo sempre appreso le notizie da internet, solo dopo l’azienda ha mandato conferme e comunicazioni ufficiali. Avremmo dovuto ricevere lo stipendio il 10 di gennaio e il 12 hanno mandato l'avviso di sospensione dei pagamenti.”

Ecco la comunicazione ricevuta dall’azienda il 12 gennaio:
“La Società non è in grado di procedere al pagamento degli stipendi di Dicembre 2011 all’usuale scadenza. Per comprensibili ragioni la totale mancanza di informazioni mi impedisce al momento di pianificare quando la liquidità potrà essere ripristinata non chè quando la disponibilità finanziaria (…) ritornerà stabile per consentire, seppur attraversi erogazioni parziali scaglionate nell’arco di questo mese, il pagamento delle vostre spettanze”

"La situazione di Casale è peggio della nostra - prosegue Silvia - Lì i dipendenti sono già in cassa integrazione perché gli orari del negozio sono già stati ridotti." 
 
“Sono stati organizzati degli scioperi - racconta Raffaella della Penna, dipendente - ma noi non abbiamo partecipato perché non ci è sembrata un'iniziativa strutturata seriamente. Ci vorrebbe una manifestazione a livello nazionale e più attenzione da parte dei media visto che è un disagio che coinvolge quasi 800 persone. 
Io lavoro qui da 10 anni e lei - riferendosi alla responsabile Silvia - da 14. Da un giorno all’altro potrebbero chiudere il negozio senza dare nessuna spiegazione. Ad Alba hanno fatto così: il 27 dicembre hanno comunicato la chiusura del punto vendita a partire dal 28. Qui mercoledì 25 e hanno oscurato l’insegna."
 
30/01/2012

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano