Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia e lavoro

Biodiversità e innovazione, nuove imprese crescono

Storie di giovani che hanno concretizzato il sogno sono protagoniste oggi al convegno organizzato dalla Cia di Alessandria a Palazzo Monferrato. La regia di Umberto Signorini e il magazine '365 Monferrato'
ECONOMIA E LAVORO - “Le idee valgono e vanno finanziate”. Principio quanto sacrosanto, quanto poco praticato in Italia. Ma c'è chi è convinto che si possa fare. Con risorse private e con quelle pubbliche messe a disposizione dai contributi regionali. Sviluppo del territorio e opportunità dei giovani nel settore primario sono i cardini di una delle politiche di promozione che scandiscono l'attività della Cia (Confederazione italiana agricoltori) di Alessandria. Gian Piero Ameglio, presidente provinciale, è convinto che si possano “portare in evidenza i punti di forza del territorio e le opportunità occupazionali giovanili”. La dimostrazione arriva oggi, giovedì, alle 17.30, a Palazzo Monferrato, in via San Lorenzo 21 ad Alessandria, dove va in scena il convegno 'Biodiversità, innovazione e comunicazione per crescere' – Tre leve per lo sviluppo del territorio alessandrino'. Un momento pubblico di confronto e analisi in cui non mancheranno le storie di chi è riuscito a concretizzare il sogno della vita. Come Caterina Ferrario, laurea in Scienze gastronomiche all'Università di Pollenzo, che oggi guida l'azienda agricola 'Molare's' che l'anno scorso, raccontano alla Cia, ha rilevato una proprietà di circa tre ettari e altrettanti di incolto con un fabbricato in disuso e che nell'arco di un anno sono diventati 3.50 ettari e vigneto, tre di noccioleto e 2.50 di cereali, oltre a 40 arnie per produzione di miele e il fabbricato, ristrutturato, adibito a cantina, laboratorio di smielatura e produzione di birra. Un testimone diretto invece sarà Giacomo Acerbi, tortonese, che ha creato quella che oggi è la 'Tenuta Ritiro', azienda apistica di Gavazzana. Ma le storie di impresa si stanno arricchendo di nuovi capitoli. Come sta dimostrando il ciclo di incontri coordinati dalla Cia di Alessandria insieme a Umberto Signorini (amministratore dell'azienda San Martino di Occimiano che basa la mission sul principio dell’economia circolare in agricoltura), nati su impulso dell'invito lanciato al convegno 'Agricoltura del presente, ritorno al passato', organizzato a metà novembre. Circa quindici giovani, provenienti da diversi ambiti e con esperienze differenti, si sono ritrovati nella sede della Cia per approfondire le tematiche legate al mondo imprenditoriale e agricolo. Hanno preso progressivamente corpo alcuni progetti che stanno proseguendo in modo individuale e oggi uno dei partecipanti, con un'attività legata al settore biologico, ha strutturato meglio il piano aziendale e ha trovato formule di finanziamento bancario, mentre un'altra azienda ha avuto la possibilità di partecipare alla fiera di Norimberga 'NurnbergMesse Biofach' per avviare rapporti con il mercato estero. 

A Palazzo Monferrato si parlerà del ruolo delle Fondazioni bancarie con Pier Angelo Taverna, presidente della Fondazione Cra, e Gustavo Minerva, direttore area Piemonte - Valle d'Aosta – Liguria di Bnl Pb, di biodiversità con Davide Turchetto (direttore Città del Bio), del ruolo dell'innovazione con Umberto Signorini, dei risultati ottenuti finora sul fronte delle start up agricole con Franco Piana, responsabile dello sportello Sviluppo Impresa della Cia. “L'obiettivo – sottolinea Signorini che intanto sta preparando un secondo ciclo di incontri a settembre a novembre che verranno ospitati a Tortona e a Casale – è formare imprenditori che a loro volta creano posti di lavoro”. L'innovazione è ovviamente strategica e decisiva, come lo è l'informatica. “Alessandria – aggiunge – è sede di corsi universitari specialistici che preparano laureati che non riescono però a trovare sbocchi occupazionali sul territorio”. Senza dimenticare la comunicazione come “elemento strategico di promozione del territorio”. Da idea nasce idea. E così durante il convegno sarà presentata una nuova rivista che prende il nome dal progetto originale: '365 Monferrato'. Paolo Secco, casalese, amministratore delegato di '365 Comunication Srl', e Fabio Menino, direttore grafico del magazine, illustreranno il progetto editoriale del semestrale da 192 pagine e 5.000 copie di tiratura che verrà presentato a metà maggio. Circa ottanta azienda hanno già deciso di sostenere la pubblicazione che verrà diffusa gratuitamente attraverso le imprese che hanno creduto nel progetto e i canali turistici provinciali, ma soprattutto nei centri metropolitani di Milano, Torino e Genova. I testi sono in italiano e inglese perché '365 Monferrato' guarda ovviamente all'estero, a partire dai mercati inglese e tedesco.
 
20/04/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Alessandria-Pisa 0-2. Il dopo partita
Alessandria-Pisa 0-2. Il dopo partita
Arti tra le mani
Arti tra le mani
Alessandria-Prato, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Prato, le foto di Gianluca Ivaldi
Arzachena-Alessandria 0-0. Il dopo partita
Arzachena-Alessandria 0-0. Il dopo partita
Con il Festival Adelio Ferrero quattro giorni di cinema e critica
Con il Festival Adelio Ferrero quattro giorni di cinema e critica
Alessandria-Prato 1-0. Il dopo partita
Alessandria-Prato 1-0. Il dopo partita
Monza-Alessandria 1-1. Il dopo partita
Monza-Alessandria 1-1. Il dopo partita
Alecomics 2017: le splendide foto di Vittorio Destro
Alecomics 2017: le splendide foto di Vittorio Destro
La Polizia vista da vicino, porte aperte per la festa del patrono
La Polizia vista da vicino, porte aperte per la festa del patrono
Sentiero 748: il percorso ad anello sulle cime di Mombello
Sentiero 748: il percorso ad anello sulle cime di Mombello