Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cronaca

Assolto dall'accusa di omicidio colposo dell'amico

Per la morte di Alessio Oliviero, 25 anni, in un incidente stradale, è stato assolto l'amico che lo aveva travolto, dopo che il giovane era stato sbalzato fuori dall'auto. Per lo stesso reato era stato invece condannato un altro giovane
 CRONACA – Una lunga e dolorosa vicenda, da tutti i punti di vista, quella dell'incidente dove perse la vita Alessio Oliviero, 25 anni, morto in un incidente sulla strada di Cassine, il 30 gennaio 2014.
Alessio viaggiava su una Fiat Punto, guidata da Luca Perosino, residente in provincia di Asti. Dietro di loro c'era la Peugeut di Dario Laguzzi, di Cassine.
Perosino perde il controllo del mezzo, che carambola in mezzo alla strada, finendo in un terrapieno. Il corpo di Alessio viene sbalzato dall'auto. Poco dopo arriva l'auto su cui viaggiava Laguzzi il quale non si accorge della presenza dell'amico sull'asfalto. Durante il dibattimento, i periti non sono riusciti a chiarire, sopra ogni ragionevole dubbio, se la morte fu causata dall'impatto violento a terra, dopo lo sbalzo, o dal successivo passaggio della macchina dell'amico.
Perosino sta già pagando per quell'incidente, essendo stato condannato, patteggiando, ad un anno e undici mesi di reclusione per omicidio colposo, per guida in stato di ebbrezza.
Restava aperta la posizione di Laguzzi, che ieri è stato assolto dal tribunale di Alessandria.
Nel frattempo si è chiusa anche la vicenda che aveva riguardato anche la madre di Perosino, Monica Ottazzi. Era stata accusata di aver sostituito le urine del figlio, durante l'esame in ospedale, con le sue. C'era infatti la possibilità che il figlio avesse ecceduto nel bere, quella sera. E voleva probabilmente risparmiare al figlio l'accusa di guida in stato di ebbrezza, aggravante all'omicidio colposo. La donna ha patteggiato quattro mesi, pena sostituita da una sanzione pecuniaria di 30 mila euro, lo scorso febbraio.
La famiglia Oliviero, che si era costituita parte civile, ha ritirato la sua posizione. "Non è ineressata al risarcimento del danno e non vuole più ricostruire una dolorosa vicenda", ha spiegato l'avvocato Moro. Ieri, in aula, la famiglia di Alessio era presente. 
14/11/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centauri 2018: primo gruppo
Centauri 2018: primo gruppo
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Mense: presidio sotto palazzo Rosso di lavoratori e sindacati
Mense: presidio sotto palazzo Rosso di lavoratori e sindacati
Inaugurato il progetto Lara: gli amici a 4 zampe entrano in Ospedale
Inaugurato il progetto Lara: gli amici a 4 zampe entrano in Ospedale
Uno sguardo al futuro: undici artisti indagano sul nostro domani
Uno sguardo al futuro: undici artisti indagano sul nostro domani
Inaugurato il nuovo Centro Giovani ai Giardini Pittaluga
Inaugurato il nuovo Centro Giovani ai Giardini Pittaluga
Operazione Black and White dei Carabinieri contro il capolarato
Operazione Black and White dei Carabinieri contro il capolarato
Festival prevenzione e innovazione in oncologia ad Alessandria
Festival prevenzione e innovazione in oncologia ad Alessandria
La visita di Brumotti all'ospedale infantile Cesare Arrigo
La visita di Brumotti all'ospedale infantile Cesare Arrigo
Lo spettacolo in carcere, ispirato a 900 di Baricco
Lo spettacolo in carcere, ispirato a 900 di Baricco